La Svizzera e la Russia firmano la riveduta Convenzione per evitare le doppie imposizioni e un memorandum per il dialogo sulle questioni finanziarie

Berna, 25.09.2011 - La consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf e il vicepremier e ministro delle finanze russo Alexej Kudrin hanno firmato sabato, a margine del convegno annuale del Fondo monetario internazionale organizzato a Washington, un memorandum sulla collaborazione tra la Svizzera e la Russia nel campo finanziario. Nel contempo è stato firmato il Protocollo che modifica la Convenzione per evitare le doppie imposizioni (CDI). La riveduta Convenzione contiene anche disposizioni relative allo scambio di informazioni conformi allo standard in vigore a livello internazionale.

Con la firma del Memorandum d'intesa (memorandum of unterstanding; MoU) nel settore finanziario sono state gettate le basi per un intenso dialogo tra il Dipartimento federale delle finanze (DFF) e il Ministero delle finanze russo. Il MoU si inserisce in modo armonioso nel concetto generale del Consiglio federale per il partenariato strategico con la Russia. L'intensificazione dei contatti in particolare con importanti Paesi emergenti permette alla Svizzera di rafforzare la sua influenza nella strutturazione del sistema finanziario globale e di discutere le richieste bilaterali nel campo finanziario al fine di sfruttare i potenziali di sviluppo e di identificare tempestivamente eventuali problemi.

Firmata la riveduta Convenzione per evitare le doppie imposizioni

La ministra delle finanze Eveline Widmer-Schlumpf e il suo omologo russo Alexej Kudrin hanno pure firmato un Protocollo che modifica la CDI in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio. Oltre allo scambio di informazioni, Svizzera e Russia hanno convenuto l'introduzione generalizzata del tasso zero sui pagamenti di interessi e la soppressione dell'imposta residua sui dividendi versati a istituti di previdenza e a banche centrali di entrambi gli Stati. L'imposizione degli utili dall'alienazione di partecipazioni a società immobiliari rientrerà nella competenza dello Stato in cui è situato l'immobile. Inoltre, la CDI riveduta stabilisce che entrambi gli Stati avviino negoziati per una clausola arbitrale non appena la Russia abbia concluso una CDI in questo senso con un altro Stato.

Dopo la conclusione dei negoziati è stato sottoposto per parere ai Cantoni e alle associazioni economiche interessate un rapporto sulla CDI riveduta. Essi hanno approvato a larga maggioranza la conclusione della CDI riveduta.


Indirizzo cui rivolgere domande

Roland Meier, portavoce del DFF,
Tel. +41 (0)31 322 60 86, roland.meier@gs-efd.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-41371.html