La Svizzera e il Sudafrica fanno il punto sullo stato delle loro relazioni

Berna, 10.01.2019 - Giovedì a Durban il consigliere federale Ignazio Cassis ha incontrato il ministro della governance cooperativa e degli affari tradizionali Zweli Lawrence Mkhize e il ministro delle imprese pubbliche Pravin Gordhan. Nei colloqui sono stati affrontati temi quali le relazioni bilaterali e la cooperazione economica con la Svizzera, le sfide che il Sudafrica si trova a dover affrontare – come le elezioni nel 2019 –, il programma di riforme economiche, la decentralizzazione, le questioni legate alla migrazione, la situazione geopolitica mondiale e il multilateralismo.

Il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha annunciato la disponibilità della Svizzera a condividere le proprie esperienze, ad esempio nel settore degli apprendistati, un ambito che interessa molto al Sudafrica in quanto potrebbe rappresentare una soluzione all’elevata disoccupazione giovanile.

Il consigliere federale ha inoltre ribadito l’importanza di condurre rapidamente negoziati tra gli Stati membri della SACU, tra cui il Sudafrica, e l’Associazione europea di libero scambio (AELS) al fine di aggiornare e sviluppare l’accordo di libero scambio esistente con l’intento di ottenere, per i Paesi dell’AELS, un accesso al mercato di questi Stati paragonabile a quello ottenuto dall’Unione europea (UE).

Ignazio Cassis ha infine chiesto di ridiscutere, subito dopo le elezioni in programma a maggio, la questione relativa all’accordo sulla protezione degli investimenti denunciato dal Sudafrica nel 2013. Tale accordo incoraggerebbe le imprese svizzere a investire in Sudafrica, come auspica anche il nuovo Governo di Pretoria.

Durante i colloqui è stata inoltre trattata la questione migratoria, in considerazione del fatto che il Sudafrica sta affrontando una forte immigrazione di persone provenienti dai Paesi limitrofi ma anche da Stati africani più distanti. In questo campo la Svizzera svolge un ruolo attivo sostenendo, ad esempio, programmi di sviluppo urbano che permettono di gestire meglio i flussi migratori. Per il periodo compreso tra il 2017 e il 2020 il nostro Paese ha deciso di stanziare 55 milioni di franchi in Sudafrica attraverso programmi della SECO (DEFR).


Indirizzo cui rivolgere domande

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
E-Mail: info@eda.admin.ch
Twitter: @EDA_DFAE


Pubblicato da

Dipartimento federale degli affari esteri
https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-73632.html