Invio di militari svizzeri non armati per la missione d’appoggio dell’ONU in Libia

Berna, 03.03.2017 - Il 3 marzo 2017 il Consiglio federale ha approvato l’invio di due militari svizzeri non armati per la missione d’appoggio dell’ONU in Libia nell’ambito dello sminamento a scopo umanitario. L’impiego avviene nel quadro del servizio di promovimento della pace; il luogo d’impiego sarà esclusivamente la Tunisia.

Il mandato della missione d'appoggio in Libia istituita nel 2011 su richiesta delle autorità libiche ha i seguenti obiettivi: garantire la transizione democratica, promuovere lo Stato di diritto, proteggere i diritti dell'uomo, controllare le armi non immagazzinate in modo sicuro e il relativo materiale nonché promuovere la buona gestione degli affari pubblici.

In seguito ai combattimenti in Libia parti consistenti del territorio sono contaminate da mine, proiettili inesplosi, munizioni non immagazzinate in modo sicuro ecc. Sebbene la situazione in materia di sicurezza sul posto non consenta la presenza delle Nazioni Unite, l'ONU sta svolgendo lavori preparatori. Si procede in particolare all'acquisizione e al trattamento di informazioni e dati. In questo contesto l'ONU ha invitato la Svizzera a mettere a disposizione specialisti nel settore della gestione delle informazioni, che dovranno essere impiegati nella realizzazione dei relativi sistemi in Tunisia.

La stabilizzazione della Libia è nell'interesse nazionale di politica estera e di sicurezza. Il Consiglio federale accoglie quindi favorevolmente un impiego adeguato nel quadro del promovimento militare della pace.

Il sostegno in termini di personale da parte dei militari svizzeri consentirà all'ONU di ottimizzare l'impiego della banca dati utilizzata e di formare i collaboratori locali, affinché i dati disponibili e quelli che saranno acquisiti possano essere analizzati e associati. In questo modo sarà possibile pianificare con maggiore precisione e priorizzare le attività di sminamento che inizieranno dopo il ritorno in Libia. L'impiego avviene quindi completamente nell'ottica dell'«aiuto all'autoaiuto».

Il Consiglio federale ha quindi autorizzato il DDPS a sostenere la missione d'appoggio dell'ONU in Libia con al massimo due militari, tuttavia con due limitazioni: in primo luogo l'impiego sarà limitato esclusivamente alla Tunisia e, in secondo luogo, l'impiego potrà durare al massimo due anni.


Indirizzo cui rivolgere domande

Karin Suini
Portavoce del DDPS
058 464 50 86


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport
http://www.vbs.admin.ch

Aggruppamento Difesa
http://www.vtg.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-65893.html