Misure per evitare l'offerta eccedentaria e insufficiente di prestazioni ambulatoriali

Berna, 20.06.2014 - I Cantoni devono avere la possibilità di raggiungere un livello ottimale di assistenza sanitaria nel settore ambulatoriale, evitando un'offerta di prestazioni eccedentaria o insufficiente nel loro territorio. A tale scopo, devono coinvolgere le cerchie interessate nel processo decisionale e orientarsi in base a criteri di qualità. Dopo aver discusso con i principali attori, il Consiglio federale propone di adeguare in tal senso la legge sull'assicurazione malattie. La relativa consultazione è avviata il 20 giugno 2014.

I Cantoni conoscono meglio di tutti la situazione dell'assistenza e le esigenze nei loro territori. Per questo una modifica della legge sull'assicurazione malattie intende dare loro la possibilità di disciplinare l'offerta ambulatoriale per regioni e specializzazioni. I Cantoni potrebbero limitare la fornitura di prestazioni in singole regioni o per singoli fornitori di prestazioni o specialità mediche in caso di offerta eccedentaria oppure sostenere i fornitori di prestazioni in caso di offerta insufficiente. La tipologia delle misure da adottare è decisa dai Cantoni stessi in base a criteri di qualità. In questo modo si tiene conto delle loro esigenze specifiche.

Prima di decidere l'adozione di misure, un Cantone deve appurare la necessità di prestazioni ambulatoriali e stabilire l'entità dell'offerta. È inoltre tenuto a coinvolgere le cerchie interessate nel processo decisionale. A tale scopo il Cantone istituisce una commissione nella quale sono rappresentati gli assicurati, i fornitori di prestazioni e gli assicuratori malattie, che formula una raccomandazione sull'accertamento della necessità di prestazioni e sulle misure proposte a destinazione del Cantone.

La Confederazione deve poter intervenire soltanto se è a rischio la sostenibilità finanziaria del sistema. Se un Cantone nel quale i costi del settore ambulatoriale aumentano eccessivamente non adotta alcuna misura per contenere questa evoluzione, il Consiglio federale può effettuare adeguamenti delle relative tariffe.

I Paesi limitrofi della Svizzera utilizzano strumenti di gestione strategica analoghi. Uno studio dell'UFSP indica che quasi tutti i Paesi europei sono in grado di adottare contromisure in caso di offerta eccedentaria o insufficiente di prestazioni ambulatoriali, regolamentando il numero dei medici o intervenendo sull'offerta nel quadro del finanziamento statale.

La presente proposta per un'assistenza ottimale nel settore ambulatoriale è stata discussa in occasione di due tavole rotonde con rappresentanti dei Cantoni, di diverse associazioni di medici, degli ospedali, dei farmacisti, degli assicuratori-malattie e delle organizzazioni dei pazienti. Sostituisce la limitazione a tempo determinato del numero di autorizzazioni per i medici in vigore dall'estate del 2013 fino a metà del 2016.

La procedura di consultazione per la modifica della legge sull'assicurazione malattie (LAMal) durerà fino al 10 ottobre 2014.


Indirizzo cui rivolgere domande

Nicole Lamon, responsabile della Comunicazione del DFI, tel. 058 462 80 16



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'interno
http://www.edi.admin.ch

Ufficio federale della sanità pubblica
http://www.bag.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-53400.html