Traffico merci attraverso le Alpi svizzere: ripresa dei trasporti su strada e per ferrovia

Berna, 03.03.2011 - Nel 2010, grazie alla ripresa congiunturale, il volume delle merci in transito attraverso le Alpi è aumentato del 12 per cento circa rispetto all'anno precedente. Il traffico merci ferroviario ha registrato una forte crescita, che però non ha compensato le perdite subite a causa della crisi. Nel complesso, il 62,7 per cento delle merci ha viaggiato su rotaia. Il numero dei trasporti su strada è aumentato del 6,5 per cento, attestandosi a 1,257 milioni.

L'anno scorso, attraverso le Alpi svizzere sono state trasportate merci per 38,3 milioni di tonnellate nette, di cui 24 milioni circa per ferrovia (+15,4%) e 14,3 circa su strada (+6,9%). Il forte aumento è dovuto principalmente alla ripresa dell'economia europea. La tendenza, riscontrabile già a fine 2009, è proseguita nel 2010.

Nel 2010 si sono contati 1,257 milioni di trasporti transalpini su strada (+77 000), il che corrisponde all'incirca ai livelli del 2007 e 2008 e quindi alla situazione precedente alla crisi economica. È un numero di gran lunga superiore al limite massimo di 650 000 viaggi stabilito dalla legge sul trasferimento del traffico merci quale obiettivo da raggiungere entro il 2018/2019 e ancora ben superiore all'obiettivo intermedio di 1 milione da centrare entro la fine del 2011. Se il raggiungimento di questi obiettivi non è garantito, il Consiglio federale è tenuto per legge a proporre misure supplementari al Parlamento. Le relative proposte saranno formulate nell'ambito del prossimo rapporto sul trasferimento del traffico.

Grazie alla forte crescita nel 2010, il traffico merci ferroviario ha riguadagnato quote di mercato, passando dal 60,9 al 62,7 per cento sull'insieme dei volumi trasportati rispetto all'anno precedente. Le perdite subite precedentemente non sono state però ancora recuperate del tutto. Il volume delle merci trasportate l'anno scorso corrisponde all'incirca a quelli del 2005 e 2006.
L'incremento è stato particolarmente forte nel traffico combinato non accompagnato (+17,2%). Anche il trasporto a carri completi ha segnato una sensibile progressione (+15,7%), mentre il traffico sull'autostrada viaggiante è aumentato solo dell'1,6 per cento.

La crescita del traffico merci su rotaia ha interessato in particolare il San Gottardo (+24.5%). La ragione è dovuta tra l'altro ai lavori di risanamento cui è stato sottoposto il tratto in territorio italiano dell'asse del Sempione. A causa di tali lavori, una parte dei treni non ha potuto circolare sull'asse del Lötschberg-Sempione ed è stata deviata su quello del San Gottardo. Nel complesso l'asse del Lötschberg-Sempione ha registrato una crescita del 4,0% nel 2010.

L'inquinamento atmosferico rilevato dal 2003 mediante il monitoraggio ambientale lungo gli assi di transito stradali (A2 e A13) è in calo per quanto concerne gli ossidi di azoto e le polveri fini. I valori limite vengono superati lungo la A2, ma rispettati lungo la meno trafficata A13.


Indirizzo cui rivolgere domande

DATEC, Servizio stampa, Palazzo federale nord, 3003 Berna, +41 31 322 55 11



Pubblicato da

Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-37926.html