Il Consiglio federale respinge l’"Iniziativa sulla trasparenza"

Berna, 31.01.2018 - Il Consiglio federale respinge l’iniziativa popolare "Per più trasparenza nel finanziamento della politica (Iniziativa sulla trasparenza)" in quanto a suo avviso una regolamentazione nazionale del finanziamento dei partiti e delle campagne di voto non è conciliabile con le specificità del sistema politico svizzero. Proporrà pertanto al Parlamento di respingere l’iniziativa senza controprogetto. Nella seduta del 31 gennaio 2018, ha incaricato il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) di elaborare un pertinente messaggio.

L'iniziativa sulla trasparenza, depositata il 10 ottobre 2017 corredata di 109 826 firme valide, chiede che la Confederazione emani a livello federale prescrizioni sulla pubblicità del finanziamento dei partiti, delle campagne elettorali e delle campagne di voto. Chiede pure che i partiti rendano pubblici in particolare il loro bilancio e conto economico nonché la provenienza di ogni donazione superiore ai 10 000 franchi. Inoltre, in caso di campagne di voto, anche le persone e i comitati sarebbero tenuti a dichiarare le donazioni superiori ai 10 000 franchi, se impiegano complessivamente più di 100 000 franchi. Infine è vietato accettare donazioni anonime.

Peculiarità svizzere inconciliabili con un disciplinamento nazionale

Il Consiglio federale è del parere che le peculiarità del sistema politico svizzero siano inconciliabili con un disciplinamento nazionale del finanziamento dei partiti e delle campagne di voto, sebbene i Cantoni Ticino, Ginevra e Neuchâtel hanno adottato normative proprie in tale direzione. Nel sistema svizzero di democrazia diretta, caratterizzato da votazioni popolari regolari, la scena politica vede la partecipazione non soltanto dei partiti, bensì anche, ad esempio, di organizzazioni e comitati ad hoc. Una normativa che disciplini tutti gli attori politici comporterebbe un onere amministrativo notevole e quindi costi considerevoli. Inoltre nel sistema politico di milizia della Svizzera, il finanziamento necessario ai partiti è comunque decisamente inferiore rispetto agli altri Paesi.

Per queste ragioni, nel suo messaggio, previsto entro l'autunno del 2018, il Consiglio federale raccomanderà al Parlamento di respingere l'iniziativa senza controprogetto diretto o indiretto.


Indirizzo cui rivolgere domande

Jean-Christophe Geiser, Ufficio federale di giustizia, T +41 58 462 53 99


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Ufficio federale di giustizia
http://www.bj.admin.ch

Ultima modifica 15.12.2015

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa/comunicati-stampa-consiglio-federale.msg-id-69662.html