Ampliamento delle sanzioni nei confronti della Siria

Berna, 30.09.2011 - Il 30 settembre 2011 il Consiglio federale ha deciso un ulteriore inasprimento delle sanzioni contro la Siria e vietato nuovi investimenti nel settore petrolifero. Ha inoltre vietato la fornitura alla Banca centrale della Siria di nuove banconote e monete siriane. In tal modo la Svizzera aderisce ai provvedimenti varati il 24 settembre 2011 dall’Unione europea contro questo Paese. Le nuove misure entrano in vigore il 1° ottobre 2011.

Considerato il perdurare della repressione della popolazione da parte delle forze armate e di sicurezza siriane, il Consiglio federale ha deciso, di concerto con l'UE, di inasprire ulteriormente le sanzioni nei confronti della Siria.

È vietata la concessione di prestiti o crediti a persone o organizzazioni siriane che partecipano all'attività di prospezione, estrazione e raffinazione di petrolio. È inoltre vietato acquisire o aumentare partecipazioni in tali persone fisiche od organizzazioni siriane e costituire joint venture con esse. I divieti non si applicano ai contratti stipulati prima del 1° ottobre 2011. È stato anche sancito il divieto di fornire o vendere alla Banca centrale della Siria nuove banconote e monete siriane.

L'impatto economico delle nuove misure dovrebbe essere contenuto. Non sono noti investimenti svizzeri nel settore petrolifero in Siria. Già prima non venivano esportate in Siria banconote e monete siriane stampate o coniate in Svizzera. Le nuove misure, tuttavia, mirano a evitare che le sanzioni dell'UE possano essere aggirate attraverso la Svizzera.

Finora i provvedimenti a carico della Siria comprendevano l'embargo sul materiale d'armamento, il divieto d'importazione di beni utilizzabili a scopi repressivi, il divieto d'importazione di petrolio e prodotti petroliferi nonché sanzioni finanziarie e restrizioni di viaggio nei confronti di 54 persone fisiche e 12 imprese e organizzazioni. In seguito alle sanzioni finanziarie, in Svizzera sono stati congelati valori patrimoniali per circa 45 milioni di franchi.


Indirizzo cui rivolgere domande

Antje Baertschi, capo della Comunicazione, SECO,
tel. +41 31 323 52 75

Marie Avet, sost. capo della Comunicazione, SECO,
tel. +41 31 322 40 20



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-41472.html