Il Protocollo di Montreal deve rafforzare il suo contributo alla protezione del clima

Berna, 22.06.2016 - Il 22 e 23 luglio 2016 si terrà a Vienna la terza Conferenza straordinaria delle Parti al Protocollo di Montreal sulle sostanze che impoveriscono lo strato di ozono. La Svizzera si impegnerà affinché le sostanze di sostituzione con un forte potenziale di effetto serra siano inserite nel Protocollo di Montreal. Nella sua seduta odierna, il Consiglio federale ha approvato il mandato negoziale per la conferenza.

Le sostanze che impoveriscono lo strato di ozono sono al contempo dei gas a forte effetto serra e favoriscono il riscaldamento climatico. Il divieto di tali sostanze ha quindi contribuito anche alla protezione del clima. Tuttavia, numerose sostanze di sostituzione agiscono anche come potenti gas a effetto serra. Nel corso dell’ultima Conferenza delle Parti, tenutasi nel novembre 2015, si è quindi deciso di accelerare nel 2016 il processo di inserimento di determinati clorofluorocarburi nel campo di applicazione del Protocollo di Montreal. A tal fine si punterà a una più stretta collaborazione con le istituzioni della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) e del Protocollo di Kyoto. La delegazione svizzera, il cui mandato negoziale è stato approvato in data odierna dal Consiglio federale, si impegnerà a favore di un conseguente ampliamento del Protocollo di Montreal.


Indirizzo cui rivolgere domande

Blaise Horisberger, divisione Protezione dell’aria e prodotti chimici, UFAM, tel. +41 58 462 90 24



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

https://www.admin.ch/content/gov/it/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-62325.html