Contributo della Svizzera per un mondo digitale più giusto

Biel/Bienne, 16.12.2015 - La Svizzera si impegna per l'eliminazione del divario digitale, non soltanto tra i diversi Paesi ma anche tra i sessi. Queste le parole di Philipp Metzger, direttore dell'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) e capo della delegazione svizzera in occasione dell'incontro di alto livello dell'Assemblea generale dell'ONU conclusosi oggi a New York. Obiettivo di questo evento era quello di discutere i passi successivi per l'attuazione dei risultati del Vertice mondiale sulla società dell'informazione. La Ginevra internazionale continuerà a giocare un ruolo importante nell'ambito di questi processi.

A circa dieci anni di distanza dal Vertice mondiale sulla società dell'informazione (VMSI), svoltosi a Ginevra e Tunisi, l'Assemblea generale dell'ONU ha organizzato a New York un incontro di alto livello per discutere il proseguo dei lavori per una società dell'informazione aperta a tutti e orientata allo sviluppo. La delegazione svizzera, guidata da Philipp Metzger, direttore dell'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM), si è adoperata affinché tutte le persone possano fruire, a prescindere dal sesso, dall'età e dalla nazionalità, delle possibilità offerte dalle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC). In particolare, si auspica a ridurre il divario digitale tra i Paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo nonché a migliorare le opportunità delle donne di usufruire di queste tecnologie. Pertanto, la Svizzera sostiene l'Unione internazionale delle telecomunicazioni (UIT) e UN Women, un organo delle Nazioni Unite, nel lancio del loro piano d'azione comune.

La Svizzera approva il documento finale stilato dall'Assemblea generale dell'ONU e teso a sottolineare il ruolo centrale delle TIC per l'attuazione degli obiettivi stabiliti a settembre in vista di uno sviluppo duraturo (Agenda 2030). Si ribadisce il carattere universale dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, e l'importanza centrale della libertà di espressione per la società dell'informazione. Inoltre, è previsto esplicitamente che qualsiasi diritto che si applica off-line valga anche on-line. Anche il ruolo di Ginevra viene rafforzato: le agenzie dell'ONU qui ubicate coordinano l'attuazione dei risultati del VMSI, coinvolgendo tutti i gruppi di interesse. Philipp Metzger sostiene che la proroga di dieci anni del mandato del Forum sulla Governance di Internet dell'ONU contribuirebbe in modo determinante al rafforzamento di un approccio multilaterale. La comunità internazionale potrà dunque disporre di una piattaforma solida per confronti informali sulle questioni legate a Internet.

Ruolo della Svizzera al VMSI

Circa dieci anni fa, in occasione del Vertice mondiale sulla società dell'informazione (VMSI), sono state elaborate una visione di insieme e una serie di obiettivi e misure. Oggi se ne verifica l'attuazione. La Svizzera è stato il Paese ospitante delle prima fase del VMSI (2003 a Ginevra; la seconda fase si è svolta a Tunisi nel 2005) e, sin da allora, si impegna attivamente per l'attuazione dei risultati.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale delle comunicazioni UFCOM
Servizio stampa, +41 58 460 55 50, media@bakom.admin.ch



Pubblicato da

Ufficio federale delle comunicazioni
http://www.ufcom.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-59999.html