Governo elettronico in Svizzera 2008–2015: estesa l’offerta di prestazioni elettroniche fornite dalle autorità

Berna, 14.12.2015 - In occasione della sua seduta dell’11 dicembre 2015 il Comitato direttivo del Governo elettronico in Svizzera ha chiuso l’omonimo programma nella sua versione attuale. Dal 2016 la Confederazione, i Cantoni e i Comuni porteranno avanti il Governo elettronico nel quadro delle relative Linee guida. I membri hanno preso conoscenza dell’organizzazione del Comitato direttivo e del Comitato di pianificazione, che dal 2016 si presenteranno in una nuova composizione.

Dal 2016 la Confederazione, i Cantoni e i Comuni collaboreranno nell’ambito del Governo elettronico, su riserva dell’approvazione della Conferenza dei Governi cantonali (CdC), sulla base di una strategia perfezionata e di una versione rielaborata della convenzione quadro.

Concluso il periodo di programma 2008–2015

Il Comitato direttivo ha colto l’occasione della seduta per concludere il periodo di programma 2008–2015. Il principale strumento di attuazione della strategia di e-government del 2007 era costituito dal catalogo dei progetti prioritari. L’attuazione di questi progetti ha permesso di fornire determinate prestazioni alla popolazione (ad es. posto di polizia virtuale o ufficio online degli oggetti smarriti). L’economia può ora beneficiare di diverse prestazioni che la sgravano sul piano amministrativo, come ad esempio la trasmissione automatica dei dati salariali. L’armonizzazione dei registri e l’istituzione di una piattaforma per lo scambio di dati sicuro hanno fornito alle autorità svizzere le basi necessarie per la comunicazione elettronica. La pubblicazione di chiusura sul Governo elettronico in Svizzera per il 2008–2015 offre una panoramica dei 59 progetti prioritari. Grazie all’impegno profuso negli ultimi anni la Confederazione, i Cantoni e i Comuni hanno raggiunto il loro obiettivo di stabilire un canale di comunicazione elettronico con le autorità. Il progresso ottenuto in questo ambito è confermato anche da raffronti internazionali, come ha osservato la presidente del Comitato direttivo, la consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf, soffermandosi sullo sviluppo positivo registrato da Confederazione, Cantoni e Comuni, in particolare per quanto riguarda l’utilizzo di prestazioni elettroniche fornite dalle autorità. Infine, la consigliera federale ha aggiunto che la soddisfazione della popolazione e dell’economia per l’offerta di Governo elettronico in Svizzera sarebbe attualmente addirittura superiore alla media; il primo programma avrebbe quindi raggiunto gli effetti auspicati. Dal 2016 Confederazione, Cantoni e Comuni imposteranno la loro collaborazione su nuove basi e si concentreranno sulla creazione di infrastrutture di base nazionali per il Governo elettronico come ad esempio l’identità elettronica.

Cambiamenti nella composizione del Comitato direttivo

Dal 2016 il Comitato direttivo sarà composto da nuovi rappresentanti della Confederazione. La consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf aveva assunto la presidenza dell’organo nel 2010. Con le sue dimissioni, dal 2016 la presidenza passa al capo del Dipartimento federale delle finanze Ueli Maurer. La segretaria di Stato dell’economia Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch rappresenterà dal 2016 il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca in sostituzione al consigliere federale Johann Schneider-Ammann. Nel 2016 Walter Thurnherr assumerà la carica di cancelliere della Confederazione e succederà quindi a Corina Casanova in seno al Comitato direttivo. La CdC nominerà i suoi rappresentanti il 18 dicembre 2015. Le associazioni intercomunali hanno confermato i loro rappresentanti in carica. Il Comitato direttivo ha inoltre preso conoscenza della composizione del Comitato di pianificazione, che dal 2016 sarà responsabile della gestione operativa ll’attuazione della strategia.


Indirizzo cui rivolgere domande

Anna Faoro, responsabile della comunicazione e-government Svizzera, Organo direzione informatica della Confederazione ODIC,
tel. +41 58 465 12 28, anna.faoro@isb.admin.ch



Pubblicato da

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-59957.html