Il Consiglio federale vara le prime misure di semplificazione amministrativa

Berna, 28.10.2015 - Il 28 ottobre 2015, il Consiglio federale ha adottato il Pacchetto di ordinanze agricole - autunno 2015, i cui elementi principali sono le misure di semplificazione amministrativa e gli adeguamenti del sistema delle unità standard di manodopera (USM). Il pacchetto comprende 17 ordinanze del Consiglio federale e 2 del Dipartimento federale dell'economia (DEFR) nonché 3 atti normativi dell'Ufficio federale dell'agricoltura (UFAG).

Il primo risultato del progetto «semplificazione amministrativa» prevede l'attuazione di 20 misure volte a snellire e a semplificare l'amministrazione. Esse interessano un totale di 10 ordinanze. Tra le novità vi sono, ad esempio, la rinuncia all'esame della situazione patrimoniale di eredi e comunità ereditarie nella norma transitoria e la soppressione della profondità massima di lavorazione del suolo per la semina a lettiera. 

Le aziende sono tenute a sfruttare in maniera ottimale il proprio potenziale di creazione di biodiversità o di produzione di derrate alimentari. Per tale motivo, i contributi per la biodiversità per superfici del livello qualitativo più basso (livello qualitativo I) vengono limitati al 50 per cento al massimo della superficie avente diritto ai contributi. Ciò serve anche a evitare indesiderate massimizzazioni dei contributi.

Il 20 giugno 2014, il Consiglio federale aveva licenziato il rapporto «Valutazione del sistema delle unità standard di manodopera» in adempimento del postulato Leo Müller (12.3906). Con il pacchetto di ordinanze vengono attuate le prime misure che ne sono scaturite: da un lato si adeguano i coefficienti USM al progresso tecnico, dall'altro si introducono supplementi per attività affini all'agricoltura nei settori del diritto fondiario e dei miglioramenti strutturali. Inoltre, l'orario di lavoro regolare per il calcolo dei coefficienti USM viene ridotto da 2 800 a 2 600 ore annuali.

Con la nuova ordinanza concernente la conservazione e l'uso sostenibile delle risorse fitogenetiche per l'alimentazione e l'agricoltura la Confederazione dà seguito sul piano nazionale agli impegni presi a livello internazionale.


Indirizzo cui rivolgere domande

Conrad Widmer, Ufficio federale dell'agricoltura UFAG,
Responsabile Settore Politica agricola,
tel. 058 462 26 07; conrad.widmer@blw.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-59244.html