Il Consiglio federale approva il messaggio relativo alla legge federale concernente il blocco e la restituzione dei valori patrimoniali di provenienza illecita di persone politicamente esposte all’estero

Berna, 21.05.2014 - Il Consiglio federale ha approvato oggi il messaggio relativo alla legge federale concernente il blocco e la restituzione dei valori patrimoniali di provenienza illecita di persone politicamente esposte all’estero (LBRV). Il disegno di legge riprende le basi legali esistenti e riflette la prassi attuale, integrandole in un atto normativo unico. Oltre a questi lavori di ordine legislativo, il Consiglio federale ha intensificato gli sforzi per rendere più efficace la cooperazione internazionale in materia di restituzione degli averi dei potentati.

A seguito degli avvenimenti della primavera araba dell’inizio del 2011, il Consiglio federale ha emanato varie ordinanze di blocco contro persone politicamente esposte basandosi direttamente sulla Costituzione. Nel marzo 2011, le Camere federali hanno accolto una mozione che impone al Consiglio federale di creare una base legale formale per l’attuazione di simili blocchi di valori patrimoniali. Il Consiglio federale ha incaricato il DFAE di preparare il progetto di atto normativo corrispondente. Un avamprogetto di legge federale concernente il blocco e la restituzione dei valori patrimoniali di provenienza illecita legati a persone politicamente esposte (LBRV) è stato posto in consultazione nel maggio 2013.

Il testo disciplina in maniera esaustiva il blocco, la confisca e la restituzione degli averi dei potentati e riflette così la prassi attuale della Svizzera in questo ambito. Si applicherà a situazioni in cui personalità pubbliche si sono arricchite indebitamente appropriandosi di valori patrimoniali tramite atti di corruzione o altri crimini e hanno successivamente trasferito tali averi su altre piazze finanziarie. Il disegno comprende disposizioni che permettono il blocco preventivo a fini conservativi dei valori patrimoniali di persone politicamente esposte, fissa inoltre le condizioni alle quali gli averi dei potentati possono essere oggetto di confisca giudiziaria nel quadro di una procedura di diritto amministrativo, nonché i principi secondo i quali i valori confiscati sono restituiti agli Stati d’origine. Da ultimo il disegno prevede misure di assistenza per coadiuvare lo Stato d’origine nei suoi sforzi tesi a ottenere la restituzione dei valori patrimoniali di provenienza illecita. Incorpora infine due sviluppi recenti legati alla prassi e prende così in considerazione le esperienze concrete fatte finora. Per tener conto delle preoccupazioni espresse in fase di consultazione, il testo è stato rielaborato in maniera sostanziale in molti punti. I cambiamenti hanno riguardato soprattutto le modalità relative all’obbligo di comunicazione dei valori patrimoniali bloccati (creazione di uno «sportello unico» presso l’Ufficio di comunicazione in materia di riciclaggio di denaro, MROS) e la trasmissione di informazioni all’estero.

Grazie alla LBRV, il Consiglio federale disporrà d’ora in poi di una base legale formale per trattare i casi concernenti gli averi dei potentati e ciò rafforzerà la legittimità democratica della politica del Governo in questo campo. La nuova legge elenca le condizioni che devono essere soddisfatte per poter disporre il blocco degli averi, rispondendo in tal modo alle richieste del Parlamento e di altri ambienti interessati, e rafforza la certezza del diritto e la trasparenza dell’azione dei poteri pubblici. Dopo la proroga, nel gennaio 2014, delle ordinanze di blocco fondate sulla Costituzione relative ai presidenti decaduti Ben Ali (Tunisia) e Mubarak (Egitto) e a persone del loro entourage, il Consiglio federale è tenuto, in virtù del diritto in vigore, a trasmettere il messaggio relativo alla LBRV alle Camere federali prima delle vacanze estive.

Oltre a questi lavori di ordine legislativo, il Consiglio federale ha intensificato gli sforzi per migliorare il coordinamento della cooperazione internazionale in materia di restituzione degli averi dei potentati. La Svizzera ha acquisito une grande esperienza in questo campo negli ultimi 25 anni e potrà contare su questo fatto per avere una funzione attiva nell’elaborazione dei futuri standard internazionali relativi alla cooperazione tra le piazze finanziarie nell’ambito della restituzione degli averi dei potentati e accrescerne l’efficacia. A questo scopo, la Svizzera può far leva su due mandati adottati nel 2013 all’ONU in parte per sua iniziativa. Le prime linee guida sono state elaborate in occasione di un seminario internazionale a cui hanno partecipato numerosi esperti tenutosi a Losanna dal 26 al 28 gennaio 2014. Il seminario è stato organizzato dalla Svizzera e dai suoi partner dell’International Center for Asset Recovery (ICAR) e della Stolen Asset Recovery Initiative (StAR) della Banca mondiale.

Oltre alla legge, il Consiglio federale ha approvato anche una strategia della Svizzera per il blocco, la confisca e la restituzione di averi dei potentati («Asset Recovery»), che si rivolge agli organi amministrativi che si occupano di questi averi e serve a coordinare in modo ottimale le autorità svizzere.


Indirizzo cui rivolgere domande

INFO DFAE
tel. +41 (0)58 462 31 53
info@eda.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale degli affari esteri
http://www.eda.admin.ch/eda/it/home/recent/media.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-53048.html