Energie rinnovabili: opportunità per l’economia regionale

Ittigen, 26.09.2012 - Uno studio commissionato dalla Confederazione analizza il potenziale economico regionale delle regioni energetiche e giunge alla conclusione che il promovimento delle energie rinnovabili, se accompagnato da strategie e misure appropriate, può risultare positivo per l’economia regionale.

In Svizzera esistevano singole regioni energetiche ancor prima della decisione del Consiglio federale di abbandonare gradualmente il nucleare. Si tratta di iniziative regionali volte a ridurre il fabbisogno di energia e a coprirlo, nella misura del possibile, mediante fonti energetiche rinnovabili provenienti dalla regione stessa. Fino ad oggi però, non era possibile quantificare le ricadute economiche locali delle misure energetiche applicate per l’economia regionale. L’Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE), l’Ufficio federale dell’energia (UFE), l’Ufficio federale dell’agricoltura (UFAG) e la Segreteria di Stato dell’economia (SECO), in collaborazione con regiosuisse (una piattaforma nazionale per le politiche regionali), hanno pertanto incaricato la Ernst Basler + Partner di Zurigo di individuare il potenziale economico regionale e i fattori di successo per la creazione e la gestione di tali regioni energetiche. 

A causa della scarsità di dati a disposizione, la ricerca si basa su analisi a titolo di esempio condotte nelle regioni energetiche Goms, Toggenburg e Val-de-Ruz e confronta queste ultime con una regione energetica austriaca e una tedesca. Dallo studio emerge che per una proficua creazione e gestione di una regione energetica è opportuno seguire una strategia ben definita. Le regioni possono, ad esempio, produrre una quota maggiore del fabbisogno energetico all’interno della regione stessa. Un’altra possibilità è rappresentata dall’esportazione di tecnologie e di servizi per il settore energetico. Oppure, le regioni energetiche possono instaurare sinergie con altri settori, ad esempio il turismo, l’agricoltura o la selvicoltura. Inizialmente, le regioni energetiche svizzere adottano spesso la strategia del livello elevato di autoprovvigionamento. 

Finora, l’economia locale non ha potuto trarre molti benefici dalle grandi centrali idroelettriche e da impianti eolici, in quanto per la realizzazione di impianti di questo genere sono necessarie vaste conoscenze tecniche provenienti dall’esterno delle regioni e spesso i lavori non vengono svolti da ditte regionali. Pertanto, per aumentare la creazione di valore aggiunto a livello regionale sono particolarmente idonei le piccole centrali idroelettriche, i risanamenti energetici degli involucri edilizi e lo sfruttamento energetico delle biomasse. 

Uno dei fattori determinanti per una proficua creazione e gestione delle regioni energetiche è un buon inserimento nel contesto politico ed economico. È inoltre importante che gli operatori regionali riescano a promuovere i progetti energetici, a motivare la popolazione e ad acquisire conoscenze nella regione. Altri fattori di successo sono la disponibilità dei finanziatori a investire capitali nella regione e una buona gestione dei conflitti di interesse. 

Lo studio è rivolto agli specialisti, alle autorità comunali e agli operatori regionali. I risultati e le esperienze presentate dovrebbero costituire un incentivo per iniziative concrete sul piano regionale affinché si attivino concretamente nelle proprie regioni.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dello sviluppo territoriale ARE
+41 58 462 40 60
info@are.admin.ch
https://twitter.com/AREschweiz



Pubblicato da

Ufficio federale dello sviluppo territoriale
https://www.are.admin.ch/are/it/home.html

Ufficio federale dell'energia
http://www.bfe.admin.ch

https://www.admin.ch/content/gov/it/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-46101.html