Esercizio quadro di stato maggiore "STABILO DUE": l’esercito verifica la prontezza all’impiego

Berna, 11.09.2012 - L’esercizio quadro di stato maggiore "STABILO DUE" è iniziato il 6 settembre e durerà fino al 21 settembre. Nelle ubicazioni di Berna, Lucerna, Kriens e Monte Ceneri nonché Dübendorf, Emmen, Payerne e nel settore della Reusstal verrà verificata la prontezza all’impiego della condotta strategico-militare, operativa e tattica.

Lo scopo principale dell'esercizio quadro di stato maggiore "STABILO DUE" consiste nella verifica della prontezza all'impiego dell'esercito negli ambiti pianificazione dell'azione e condotta dell'azione. Questa verifica ha luogo parallelamente e contemporaneamente su vari livelli.

Concretamente nell'esercizio quadro di stato maggiore "STABILO DUE" si eserciteranno il capo dell'esercito con il suo Stato maggiore strategico-militare, lo Stato maggiore di condotta dell'esercito (livello operativo), i comandanti e gli stati maggiori della regione territoriale 4, della brigata di fanteria 5, della brigata blindata 11 nonché una formazione d'impiego appositamente costituita delle Forze aeree e il comando forze speciali (livello tattico). Complessivamente parteciperanno a "STABILO DUE" circa 2000 militari.

Il concetto dell'esercizio "STABILO DUE" si fonda sullo scenario secondo cui parti di un'Europa appositamente creata sulla cartina topografica sono instabili. Anche in Svizzera si verificano disordini, attacchi e atti violenti. Con questo scenario di una situazione straordinaria si intende verificare in particolare l'appoggio ai Cantoni in ambito sussidiario, ma anche la condotta e l'impiego della riserva operativa dell'esercito - in questo caso della brigata blindata 11.


Indirizzo cui rivolgere domande

Daniel Reist
Capo Comunicazione Difesa
031 324 48 08


Pubblicato da

Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport
http://www.vbs.admin.ch

Aggruppamento Difesa
http://www.vtg.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-45918.html