L'esercito dispone di meno soldati

Berna, 10.09.2012 - L'effettivo reale dell'Esercito svizzero è nuovamente diminuito. Al 1° marzo 2012 ammontava a 186 143 militari e risultava quindi superiore del due percento rispetto al valore regolamentare. Questi dati emergono dal Censimento dell'esercito 2012, pubblicato in questi giorni in versione ridotta.

Tra il marzo 2011 e il marzo 2012 nell'Esercito svizzero sono state incorporate in totale
21 279 persone. Nello stesso periodo 23 211 persone hanno lasciato l'esercito. Il bilancio degli effettivi registra quindi un negativo di 1932 militari e un effettivo reale di 186 143 soldati. Si tratta del 102 percento dell'effettivo regolamentare pari a 182 693. Dal 2005 l'apporto di effettivi all'esercito in totale è diminuito del 32 percento e le eccedenze risultanti dal passaggio da Esercito 95 a Esercito XXI sono state eliminate. Questi dati emergono dal Censimento dell'esercito 2012, tramite il quale il Personale dell'esercito (ambito fondamentale di condotta 1 nello Stato maggiore di condotta dell'esercito) analizza annualmente gli sviluppi nell'ambito del personale.

Le formazioni attive godono di un buon apporto di effettivi (121 percento), mentre le formazioni della riserva risultano al di sotto della quota regolamentare (47 percento). La causa delle eccedenze nelle formazioni attive dell'esercito può essere spiegata con le abitudini di servizio dei militari: circa tre quarti degli incorporati sono in ritardo con l'assolvimento del proprio obbligo di servizio in quanto hanno svolto la scuola reclute dopo il ventesimo anno d'età oppure hanno rimandato i corsi di ripetizione. Con riferimento ai gruppi di grado è possibile notare una leggera tendenza positiva rispetto all'anno precedente per quanto riguarda la carenza di ufficiali superiori e capitani. Circa il 10 percento delle posizioni di ufficiali in questa categoria di grado non sono però occupate.

Nel complesso, dopo aver valutato i dati numerici e sulla base di modelli di calcolo, il Settore Personale dell'esercito giunge alla conclusione che l'attuale struttura dell'esercito non può più essere alimentata a sufficienza a medio e lungo termine con le odierne condizioni quadro (legislazione, modello di difesa e di servizio, comportamento relativo alla prestazione dei servizi ecc.) a causa dello sviluppo demografico e delle peculiarità sociali. Tale constatazione si riferisce però alle attuali condizioni quadro dell'esercito. La discussione politica riguardante l'ulteriore sviluppo dell'esercito è in corso e in questo ambito verranno trattati anche i problemi a livello di personale.


Indirizzo cui rivolgere domande

Walter Frik
Sostituto capo dell'informazione Difesa
Telefono 031 324 77 02



Pubblicato da

Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport
http://www.vbs.admin.ch

Aggruppamento Difesa
http://www.vtg.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-45900.html