Checklist per siti web delle PMI degni di fiducia

Biel/Bienne, 28.02.2011 - La "Checklist per siti web PMI" fornisce alle piccole e medie imprese (PMI) suggerimenti per ottimizzare la loro presenza in rete. Maggiore sicurezza, affidabilità e convivialità dovrebbero rendere ancora più attraenti le offerte online delle PMI svizzere. La checklist è stata pubblicata congiuntamente dall'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM), dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO) e dall'Associazione InfoSurance.

Fare acquisti in Internet è ormai diventata un'attività quotidiana per molte persone in Svizzera. Tuttavia, se gli offerenti sono piccole e medie imprese (PMI) poco conosciute, prima dell'acquisto il consumatore si interroga sull'affidabilità dell'offerta.

Concretamente, quali sono i criteri più importanti per il cliente? Quali fattori influenzano la sua scelta commerciale, in modo più o meno cosciente? Come le PMI devono strutturare la loro presenza online affinché sia degna di fiducia e percepita in quanto tale dal cliente?

A queste domande risponde la "Checklist per siti web PMI". I suoi suggerimenti e gli esempi forniti per le PMI toccano 14 ambiti ritenuti rilevanti dai clienti per un'offerta Internet sicura e affidabile. Si tratta ad esempio dell'indirizzo web, della struttura del sito, del trattamento dei dati del cliente e di come ottimizzare i processi di ordinazione.

La checklist è un progetto comune dell'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM), della Segreteria di Stato dell'economia (SECO) e dell'Associazione InfoSurance. Quest'ultima sensibilizza privati e PMI riguardo alle questioni legate alla sicurezza informatica e organizza lo "Swiss Security Day", che si terrà il 9 marzo 2011 nella Svizzera tedesca e romanda e il 24 marzo 2011 in Ticino.

La checklist, disponibile in italiano, francese e tedesco, è pubblicata in Internet e può essere scaricata gratuitamente. 

La pubblicazione della Checklist è una delle misure contenute nel progetto "Sicurezza e fiducia", presentato al Consiglio federale l'11 giugno 2010. Essa mira ad aiutare la popolazione e le PMI nell'utilizzo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) consapevole e conforme alla legge. Si intende contemporaneamente rafforzare la fiducia nelle TIC. La loro attuazione è diretta dal Servizio di coordinamento Società dell'informazione dell'UFCOM congiuntamente a diverse organizzazioni del settore.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ka Schuppisser, Servizio di coordinamento Società dell'informazione UFCOM, tel. 032 327 56 31



Pubblicato da

Ufficio federale delle comunicazioni
http://www.ufcom.admin.ch

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-37784.html