L’attuazione del Governo elettronico è in corso – accelerazione attraverso il promovimento mirato di progetti

Berna, 03.11.2009 - L’attuazione del programma di Governo elettronico è in corso e si sta sviluppando in maniera positiva. In data odierna il Comitato direttivo del Governo elettronico Svizzera ha approvato il progetto concernente l’impiego dei mezzi previsti nel quadro della 3a tappa delle misure di stabilizzazione congiunturale. I mezzi serviranno a sostenere i progetti prioritari nella fase preliminare. Inoltre nel Catalogo dei progetti prioritari sono stati inseriti due nuovi progetti.

Entro inizio 2010, sette dei 43 progetti prioritari avranno raggiunto la fase d’esercizio, tra cui il progetto dell’armonizzazione dei registri e quello dell’identificatore personale uniforme. Verosimilmente entro fine 2010 tutti i progetti avranno concluso almeno la fase preliminare. Di conseguenza potrà essere portata avanti l’attuazione a livello nazionale.

Accelerazione attraverso il promovimento mirato

Nell’ambito della 3a tappa delle misure di stabilizzazione congiunturale il Parlamento ha stanziato quattro milioni di franchi a favore del Governo elettronico. In tal modo dovrà essere accelerata ulteriormente l’attuazione dei progetti del Governo elettronico. I mezzi dovranno essere impiegati in maniera sostenibile e trasparente da consentire successi quantificabili. Al riguardo, il Comitato direttivo del Governo elettronico ha stabilito i corrispondenti principi. Infatti, dovranno essere sostenuti progetti già iniziati, ma che erano stati interrotti. È inoltre previsto un pool di risorse che potrà essere impiegato puntualmente se si presentano problemi di capacità nell’attuazione dei progetti prioritari. Sia gli addetti all’attuazione dei progetti prioritari come pure gli Uffici federali, i Cantoni e i Comuni potranno in tal modo, in particolare in ambito di gestione dei progetti e di questioni giuridiche, trovare sostegno.

Nuovi progetti prioritari

Il Comitato direttivo ha inoltre deciso di inserire due nuovi progetti nel Catalogo dei progetti prioritari. Si tratta, da un canto, del registro fondiario informatizzato (eGRIS), che consente di ricercare su Internet i dati del registro fondiario e altre informazioni rilevanti di un fondo. L’altro progetto riguarda la standardizzazione dei dati relativi a edifici e fondi. In tal modo si vuole semplificare lo scambio di dati e sbrigare in maniera più efficiente gli iter amministrativi. Il Comitato direttivo ha pure attualizzato il progetto per l’autenticazione sicura nelle transazioni commerciali e nei rapporti con l’Amministrazione su base elettronica (SuisseID) e l’ha trasmesso alla Segreteria di Stato dell’economia (SECO) ai fini dell’attuazione.

---

SuisseID

Inizialmente, nel Catalogo dei progetti prioritari il progetto era gestito come «Infrastruttura per il rilascio di certificati elettronici», mentre ora è portato avanti con il nome «SuisseID». In Svizzera la SuisseID sarà il primo prodotto standardizzato per una prova elettronica sicura dell’identità. Nel quadro della 3a tappa di stabilizzazione congiunturale, il Consiglio federale ha deciso l’introduzione accelerata della SuisseID. Grazie alla SuisseID attraverso la rete è possibile concludere affari tra privati e ditte, da ditte tra di loro e tra il cittadino e l’amministrazione.

---


Indirizzo cui rivolgere domande

Stephan Röthlisberger, segreteria E-Government Svizzera,
tel. 031 324 79 10



Pubblicato da

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-29887.html