Governo elettronico in Svizzera: attuati i primi progetti

Berna, 18.05.2009 - L’attuazione della strategia di e-government Svizzera è in corso. Sotto la direzione del presidente della Confederazione Hans-Rudolf Merz, il Comitato direttivo del Governo elettronico Svizzera ha preso conoscenza oggi, in occasione della sua terza sessione, dei progressi conseguiti. I primi progetti sono già stati attuati.

La strategia nazionale di e-government è stata adottata dal Consiglio federale il 24 gennaio 2007 e concepita da Cantoni e Comuni sotto la direzione dell'Organo strategia informatica della Confederazione (OSIC). Un’inchiesta effettuata presso le Organizzazioni responsabili dell’attuazione evidenzia che, al termine del primo trimestre 2009, il 70 per cento dei progetti procedeva secondo calendario, mentre il 16 per cento registrava ritardi. Rispetto all’anno precedente, dove il 12 per cento dei progetti era a repentaglio, attualmente nessun progetto attribuito a un’Organizzazione responsabile dell’attuazione è compromesso.

Catalogo aggiornato dei progetti prioritari

Il catalogo dei progetti prioritari elenca i progetti che devono essere attuati in maniera coordinata nel quadro della strategia di e-government Svizzera. Il catalogo, regolarmente esaminato dal Comitato direttivo comprende attualmente 43 progetti.

L’associazione simap.ch è stata designata dal Comitato direttivo quale nuova Organizzazione responsabile del "disbrigo di bandi pubblici di concorso, comprese la presentazione e la valutazione delle offerte". Inoltre, un nuovo progetto è stato integrato nel catalogo dei progetti prioritari. Questa prestazione permetterà di trasmettere elettronicamente tutti i cambiamenti dello stato civile tra i diversi Uffici. Essa è resa possibile dal sistema elaborato per l’armonizzazione dei registri.

Pianificazione dei progetti (roadmap) e guida e-government

La roadmap aggiornata informa sullo stato della attuazione della strategia. Gran parte dei progetti sono in fase di avviamento, di concezione o di realizzazione. Diversi progetti hanno raggiunto l’80 per cento della fase di attuazione. Si tratta, tra l’altro, del disbrigo degli affari tra le casse di compensazione AVS e le imprese. Con il progetto "di scambio elettronico di dati" l’associazione e-AVS/AI (www.eahv.ch) si prefigge, tra l’altro, di trovare soluzioni che riducano i carichi  amministrativi delle PMI.

La guida e-government è stata aggiornata e ampliata nel mese di marzo del 2009 al fine di mettere a disposizione di dirigenti e collaboratori delle Amministrazioni pubbliche uno strumento utile per l’approntamento di prestazioni di servizi del Governo elettronico per l’economia e la popolazione. Pubblicata nelle tre lingue ufficiali, la guida è disponibile gratuitamente sul sito del Governo elettronico in Svizzera, www.egovernment.ch.

Incoraggiamento dei partenariati con il settore TIC

A seguito di una risoluzione dell’iniziativa "ePower per la Svizzera" è stato deciso d’intensificare le relazioni tra i differenti attori della strategia nazionale di e-government e il settore economico rappresentato da fornitori di tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC). Lo sfruttamento di questa esperienza e della capacità d’innovazione a favore di tale settore deve essere considerato un elemento chiave nel quadro della realizzazione della strategia di e-government Svizzera.

Completato il Consiglio di esperti

Il Consiglio direttivo ha designato Christian Mühlethaler, segretario comunale di Bülach, e Roland Marro, responsabile Informatica dell’Amministrazione cantonale di Friburgo, quali nuovi membri del Consiglio di esperti.


Indirizzo cui rivolgere domande

Stephan Röthlisberger, Incaricato del programma E-government Svizzera, Organo strategia informatica della Confederazione OSIC, tel. 031 324 79 21



Pubblicato da

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-26947.html