Iniziativa popolare «Per imprese responsabili – a tutela dell’essere umano e dell’ambiente»

Il 29 novembre 2020 i cittadini si esprimeranno sull'iniziativa popolare «Per imprese responsabili – a tutela dell’essere umano e dell’ambiente».

La votazione in breve

Le aziende svizzere sono tenute a rispettare i diritti umani e le norme ambientali internazionali, in Patria e all’estero. All’elaborazione di queste norme il nostro Paese ha contribuito attivamente.

L’iniziativa popolare sostiene che queste regole siano insufficienti. Per questo motivo intende introdurre nuovi obblighi legali più severi: in particolare esigendo che le aziende svizzere controllino il rispetto delle norme umane e ambientali da parte delle loro filiali, dei loro fornitori e dei loro partner commerciali. Le aziende elvetiche dovrebbero adottare misure per rimediare alle eventuali infrazioni; se del caso, potrebbero essere ritenute responsabili anche delle infrazioni commesse dalle loro filiali e dalle aziende che controllano. Tutte le imprese verrebbero giudicate da tribunali svizzeri, secondo il diritto svizzero.

Il Parlamento – pur condividendo le preoccupazioni dell’iniziativa - la ritiene eccessiva in termini di responsabilità ed ha pertanto elaborato un controprogetto indiretto, sostenuto anche dal Consiglio federale. Il controprogetto ricalca l’intento dell’iniziativa: prevede nuovi obblighi per le aziende che dovrebbero maggiormente rendere conto del loro operato e dimostrare diligenza. Per legge, le aziende svizzere sarebbero obbligate a maggiore trasparenza.
Contrariamente all’iniziativa, tuttavia, le nuove norme verrebbero coordinate a livello internazionale. Le filiali e i fornitori economicamente indipendenti rimarrebbero i soli responsabili dei danni causati, secondo il diritto del Paese in cui è avvenuto il fatto. Disposizioni penali sarebbero tuttavia previste per chi viola gli obblighi con multe fino a 100'000.- franchi.

Se l’iniziativa venisse respinta, il controprogetto entrerebbe in vigore, a meno di un’opposizione tramite referendum. In tal caso, il controprogetto sarebbe sottoposto al voto del popolo.

La domanda che figura sulla scheda: 

Volete accettare l’iniziativa popolare «Per imprese responsabili – a tutela dell’essere umano e dell’ambiente» ?

Raccomandazione del Consiglio federale e del Parlamento

Secondo il Consiglio federale e il Parlamento pone esigenze eccessive, in particolare quelle sulla responsabilità. Essa crea incertezza del diritto e pregiudica posti di lavoro e benessere. I nuovi obblighi di rendere conto e di dovuta diligenza vanno coordinati internazionalmente, come previsto dal controprogetto indiretto.

Raccomandazione del comitato d’iniziativa

Secondo il comitato, per la maggioranza delle imprese svizzere la tutela dei diritti umani e delle norme ambientali è scontata. Le imprese che ad esempio sfruttano il lavoro minorile o avvelenano i fiumi devono però ora risponderne anche secondo il diritto svizzero. L’irresponsabilità non dovrebbe essere un vantaggio concorrenziale.

Ultima modifica 09.10.2020

Inizio pagina

L'app sulle votazioni della Confederazione e dei Cantoni: 

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/votazioni/20201129/iniziativa-popolare-per-imprese-responsabili-a-tutela-dell-essere-umano-e-dell-ambiente.html