Il CF ha deciso che il cleantech sarà parte integrante delle strategie della Confederazione

Berna, 27.09.2019 - Cleantech è sinonimo di efficienza delle risorse e di efficienza energetica, due strumenti indispensabili per l'attuazione degli obiettivi climatici e della Strategia energetica 2050. Dal 2011, il Consiglio federale presta quindi particolare attenzione a questo settore economico in costante crescita. La lunga e sistematica promozione del cleantech come tema prioritario ha avuto successo: il cleantech è stato integrato nelle strategie parziali e nei dossier dei singoli servizi federali e in futuro continuerà a essere promosso quale parte integrante degli stessi. Lo ha deciso il Consiglio federale nella sua seduta del 27 settembre 2019.

Con il «Master Plan Cleantech. Una Strategia della Confederazione per l'efficienza delle risorse e le energie rinnovabili», circa una decina di anni fa il Consiglio federale ha iniziato a promuovere il cleantech come tema prioritario. Quattro anni più tardi, un rapporto all'attenzione del Consiglio federale ha mostrato il buon posizionamento della Svizzera come centro cleantech e che la strategia cleantech ha dato il via a numerose iniziative a livello pubblico e privato. Tra gli esempi si possono citare l'elaborazione del piano d'azione «Ricerca coordinata in campo energetico in Svizzera» e il programma faro per la promozione di tecnologie e servizi efficienti dal punto di vista energetico, oppure il fatto che in numerosi Cantoni Cleantech è diventato parte integrante della politica economica.

Sulla base di questi risultati, nel 2016 il Consiglio federale ha deciso di proseguire il Master Plan Cleantech come strumento di coordinamento negli anni 2017-2019. Da allora le nuove misure cleantech sono state definite nel quadro delle varie strategie. Inoltre, sono stati affidati incarichi di verifica per la loro integrazione nei dossier e nelle strategie già esistenti.

Alla fine di questo periodo, un gruppo ristretto costituito da rappresentanti di diversi servizi federali ha elaborato, sotto l'egida dell'Ufficio federale dell'energia, un'analisi della situazione e una visione d'insieme e l'ha poi trasmessa al Consiglio federale per conoscenza. L'attuazione delle misure cleantech si è rivelata efficace sia nelle strategie già esistenti che in quelle nuove. In particolare, nell’ambito delle verifiche è stato possibile attribuire le misure ad altri dossier e strategie già esistenti (Strategia energetica 2050, economia verde, promozione locale, Strategia per uno sviluppo sostenibile ecc.) e a partire da allora tali misure sono state elaborate in questo nuovo contesto. Dato il questa integrazione, non è quindi più necessaria una strategia specificamente incentrata sul cleantech.

Il Consiglio federale ha pertanto deciso, di non perseguire più il cleantech come tema prioritario con una strategia specifica. Tuttavia, le misure volte a rafforzare il cleantech dovranno continuare a essere applicate con vigore nell'ambito delle altre strategie già esistenti.


Indirizzo cui rivolgere domande

Marianne Zünd, Capo Media e politica UFE, tel. +41 58 462 56 75, marianne.zuend@bfe.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dell'energia
http://www.bfe.admin.ch

Ultima modifica 15.12.2015

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa/comunicati-stampa-consiglio-federale.msg-id-76558.html