Attuate le prime misure relative alla strategia in materia di scienza dei dati

Berna, 08.11.2023 - L’Amministrazione federale ha elaborato le prime misure della sua strategia in materia di scienza dei dati (DSStB): un rapporto su casi di applicazione concreti e un codice di comportamento per una scienza dei dati incentrata sull’essere umano e affidabile. Il Consiglio federale ne ha preso atto nella seduta del 8 novembre 2023.

Sei gruppi di lavoro con specialisti dell'Amministrazione federale e del settore dei politecnici federali hanno elaborato casi concreti di applicazione della scienza dei dati in seno all'Amministrazione federale. Tali casi mostrano il grande potenziale delle applicazioni della scienza dei dati per la politica e le altre attività della Confederazione. Tra questi figura ad esempio, l'impiego dell'intelligenza open source, quello di sistemi di modelli olistici per fornire supporto al processo decisionale o l'assicurazione della qualità dei dati attraverso controlli di plausibilità.

I casi di studio illustrano in modo comprensibile e pratico come i dirigenti in ambito politico e amministrativo possono utilizzare la scienza dei dati nel loro lavoro quotidiano. E consente di definire le condizioni quadro necessarie per un suo utilizzo ampio e interdipartimentale. Questa panoramica è di aiuto alle unità amministrative per riconoscere il potenziale della scienza dei dati e per promuoverne l'utilizzo. 

Codice di comportamento
Attraverso un codice di comportamento, le unità amministrative dell'Amministrazione federale vengono sensibilizzate nei confronti dei principi fondamentali della scienza dei dati incentrata sull'essere umano e affidabile, da una parte fornendo spiegazioni pratiche, e dall'altra rendendole capaci di attuare tali principi nel loro lavoro quotidiano. I principi fondamentali definiti nella strategia in materia di scienza dei dati sono i seguenti: protezione dei dati e delle informazioni, sicurezza dei dati e delle informazioni, governance dei dati, non discriminazione, spiegabilità, tracciabilità, trasparenza, riproducibilità, neutralità, oggettività e trattamento etico di dati e risultati.

Inoltre, il codice di comportamento mira ad aumentare la credibilità del lavoro delle unità amministrative e a rafforzare la fiducia della popolazione nell'applicazione della scienza dei dati e di metodi specifici in ambito di intelligenza artificiale (IA). Il codice di comportamento è un codice volontario e non costituisce una direttiva o un'ordinanza vincolante.

Grande potenziale della scienza dei dati
Numerosi uffici dell'Amministrazione federale utilizzano già applicazioni di scienza dei dati, ad esempio per calcolare gli sviluppi del trasporto di persone o per migliorare le previsioni dei temporali. Ma il potenziale di utilizzo è ancora più ampio. Il Consiglio federale intende quindi promuovere l'utilizzo della scienza dei dati a vantaggio del bene comune e a sostegno delle politiche pubbliche.

Con la strategia in materia di scienza dei dati nonché l'istituzione del Centro di competenza per la scienza dei dati (DSCC) e della Rete di competenze per l'intelligenza artificiale (CNAI), negli ultimi tre anni il Consiglio federale ha gettato importanti basi interdipartimentali per un utilizzo della scienza dei dati e dell'intelligenza artificiale in seno all'Amministrazione federale che sia incentrato sull'essere umano, responsabile e competente.


Indirizzo cui rivolgere domande

Bertrand Loison, Vicedirettore
Ufficio federale di statistica, divisione Scienza dei dati, IA e metodi statistici
tel.: +41 58 463 67 70,
e-mail: bertrand.loison@bfs.admin.ch

Ufficio stampa dell’UST,
tel.: +41 58 463 60 13,
e-mail: media@bfs.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DFI
http://www.edi.admin.ch

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-98503.html