Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis all’incontro dei sei capi di Stato di lingua tedesca nel Principato del Liechtenstein

Vaduz, 13.09.2022 - Su invito del principe ereditario Alois del Liechtenstein, dal 12 al 13 settembre ha avuto luogo a Vaduz l’annuale incontro dei sei capi di Stato di lingua tedesca. I colloqui si sono concentrati sulle attuali questioni di politica interna ed estera, in particolare sulla guerra in Ucraina. Il tema centrale dell’incontro è stato la filantropia e i suoi benefici per la comunità.

Oltre al presidente della Confederazione Ignazio Cassis e al principe ereditario Alois del Liechtenstein, all’incontro dei capi di Stato di lingua tedesca di quest’anno in Liechtenstein erano presenti il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier, il granduca del Lussemburgo Enrico e il re dei Belgi Filippo, mentre il presidente austriaco Alexander Van der Bellen non ha potuto partecipare.

L’incontro annuale è un omaggio alle strette relazioni che legano i Paesi vicini di lingua tedesca e rappresenta un’occasione per affrontare attuali questioni di politica interna ed esterna. Quest’anno è stata dedicata un’attenzione particolare al conflitto in Ucraina e alle sue conseguenze. Nelle sue dichiarazioni sulle priorità della Svizzera, il presidente della Confederazione Cassis ha anche sottolineato l’importanza delle relazioni tra la Svizzera e l’Unione europea. Il partenariato, vantaggioso per entrambe le parti, dovrebbe essere riallacciato nuovamente anche nei settori dell’istruzione, della ricerca e dell’innovazione, in particolare attraverso una rapida associazione della Svizzera al pacchetto Orizzonte ed Erasmus+ per il periodo 2021-2027.

L’incontro a sei offre anche l’opportunità di approfondire congiuntamente un tema definito dal Paese ospite. Il tema centrale di quest’anno era: «Filantropia e comunità: condizioni quadro per una cooperazione efficace tra politica, economia e filantropi». Il presidente della Confederazione ha unito le sue dichiarazioni sulla tradizione della filantropia in Svizzera, che si manifesta soprattutto sotto forma di fondazioni, a un appello a rafforzare ulteriormente la collaborazione con il settore privato nell’ambito dell’aiuto umanitario e della cooperazione allo sviluppo: «Gli approcci filantropici possono integrare i contributi finanziari dei Paesi donatori e quindi contribuire a promuovere l’innovazione e a sperimentare nuove soluzioni per far fronte ai crescenti bisogni umanitari», ha detto il presidente della Confederazione Cassis durante i colloqui.  

Gli incontri dei sei capi di Stato dei Paesi di lingua tedesca si tengono dal 2004 tra l’Austria, la Svizzera, la Germania e il Liechtenstein. Dal 2014 anche il Belgio e il Lussemburgo partecipano alle riunioni, che vengono organizzate a turno dai Paesi partecipanti. L’anno scorso l’incontro si è tenuto a Potsdam, l’anno prossimo si svolgerà, come previsto, in Belgio. L'ultimo colloquio organizzato dalla Svizzera ha avuto luogo nel 2018.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel. Servizio di comunicazione: +41 58 462 31 53
Tel. Servizio stampa: +41 58 460 55 55
E-Mail: kommunikation@eda.admin.ch
Twitter: @EDA_DFAE



Pubblicato da

Dipartimento federale degli affari esteri
https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae.html

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-90334.html