Successo del primo volo del ricognitore in Svizzera

Berna, 15.06.2022 - Questa mattina, poco dopo le ore 07:00, il nuovo ricognitore telecomandato dell’esercito svizzero ha effettuato il suo primo volo a Emmen. L’ottima riuscita del volo di prova rappresenta un’ulteriore tappa importante per il sistema di ricognitori telecomandati 15 (ADS 15).

Dopo il successo dei test di rullaggio nel maggio 2022, il primo dei due droni del sistema di ricognitori telecomandati 15 (ADS 15), arrivati in Svizzera alla fine di aprile 2022, ha portato a termine con successo il suo primo volo.
Questa mattina, alle ore 07:00, il drone immatricolato D-14, pilotato da un pilota collaudatore svizzero, è decollato per il suo primo volo. Dopo un volo di circa 70 minuti il drone è rientrato a Emmen in tutta sicurezza. In volo, il drone ha raggiunto una velocità massima di 180 chilometri orari e un’altitudine massima di 2’000 metri sul livello del mare.
Specialisti del costruttore israeliano Elbit hanno assistito il team di progetto svizzero in fase di preparazione e durante il volo. Tutti i test previsti per il primo volo sono stati completati con successo.

Consegna alle Forze aeree entro la fine del 2022

Il successo di questo primo volo costituisce un importante passo avanti verso l’acquisto degli ADS 15 e per ulteriori test di volo in Svizzera. Nei prossimi mesi si svolgeranno altri test di volo con i due droni (immatricolazione D-11 e D-14) dagli aerodromi militari svizzeri. In tali occasioni saranno testati i sensori, controllate le funzionalità tecniche dei droni ed effettuate missioni di durata variabile. L’ADS 15 può restare in volo fino a 24 ore.
Dopo il completamento della prova di volo e l’ammissione da parte dell’autorità aeronautica militare MAA, i due droni saranno consegnati alle Forze aeree nel corso del secondo semestre, mentre i quattro restanti seguiranno entro la fine del 2023.

Sistema di ricognitori telecomandati 15 (ADS 15)

L’ADS 15 è un sistema di ricognizione senza pilota né armi, che sostituisce il sistema di ricognitori telecomandati 95 utilizzato dall’esercito sino alla fine del 2019 e dotato di una tecnologia risalente agli anni ottanta. La durata di utilizzo prevista per l’ADS 15 è di circa 20 anni. Il drone serve per l’esplorazione della situazione e dell’obiettivo, ma se necessario può essere equipaggiato con altri sensori, ad esempio i radar di telerilevamento al fine di ottenere l’immagine della situazione al suolo o per la ricognizione elettronica. Questo sistema può essere utilizzato sia di giorno che di notte.

Con l’ADS 15 è possibile fornire i seguenti servizi:

  • sorveglianza di aree estese
  • ricerca, ricognizione e tracciamento di bersagli
  • contributi all’immagine della situazione come pure alla protezione di infrastrutture critiche e delle proprie forze armate.

Come nel caso del suo predecessore, gli utenti sono servizi militari e civili come gli stati maggiori cantonali di condotta, gli organi di polizia e di salvataggio o il corpo delle guardie di confine. Durante la difesa da un attacco militare, l’ADS 15 contribuisce alla condotta e al controllo delle azioni al suolo, soprattutto per l’appoggio di fuoco. Oltre ai ricognitori telecomandati, al giorno d’oggi sono adatti alla ricognizione aerea solo gli elicotteri dotati di sensori a infrarossi (Forward Looking Infrared, FLIR). I droni sono mezzi resistenti, affidabili, a basso rischio e poco costosi che consentono una presenza duratura su una zona d’impiego.

L’acquisto comprende sei droni, compresi i componenti al suolo, il simulatore e la logistica.


Indirizzo cui rivolgere domande

Kaj-Gunnar Sievert
Capo Comunicazione armasuisse
+41 58 464 62 47



Pubblicato da

Armasuisse
http://www.ar.admin.ch/

Aggruppamento Difesa
http://www.vtg.admin.ch

Segreteria generale del DDPS
https://www.vbs.admin.ch/

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-89290.html