La Svizzera fornisce aiuti umanitari alla popolazione ucraina

Berna, 01.03.2022 - La Svizzera sostiene la popolazione ucraina con circa 25 tonnellate di aiuti umanitari. L’Aiuto umanitario della Confederazione invia oggi e domani in Polonia beni di prima necessità e prodotti medico-sanitari messi a disposizione dalla Farmacia dell’esercito. Gli aiuti sono parte di un ampio pacchetto di sostegno svizzero del valore di circa 8 milioni di franchi.

Nella serata di oggi un aereo cargo volerà a Varsavia con circa 25 tonnellate di aiuti umanitari a bordo. La spedizione comprende medicinali e tende familiari dotate di materassi, sacchi a pelo, coperte di lana, stufe, utensili da cucina e taniche d’acqua. Domani, mercoledì, seguirà un convoglio di aiuti umanitari composto da sei camion carichi di materiale medico messo a disposizione dalla Farmacia dell’esercito del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS). Questo materiale comprende defibrillatori, respiratori, mascherine, camici chirurgici e tute protettive a uso medico.

Gli aiuti sono destinati alla popolazione ucraina in Ucraina e nei Paesi vicini. «La popolazione ucraina sta soffrendo. Aiutarla qui ed ora è nostro dovere e in linea con la tradizione umanitaria della Svizzera», ha affermato Ignazio Cassis, presidente della Confederazione e capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). In Polonia, l’Aiuto umanitario della Confederazione, che fa parte del DFAE, sta allestendo un hub per gli aiuti svizzeri allo scopo di facilitarne le future consegne sia in Ucraina sia nella zona di confine con la Polonia e in altri Paesi vicini. Le consegne di aiuti vengono seguite dal personale del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA). A tal fine, ieri una squadra di esperte ed esperti del CSA è volata a Varsavia per pianificare l’impiego degli aiuti umanitari in loco e avviare le prime misure di emergenza.  

Contributi finanziari svizzeri alle organizzazioni umanitarie
In Ucraina la Svizzera sostiene già il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) e l’ONU rispettivamente con 0,5 milioni e 0,25 milioni di franchi. Inoltre, ha immediatamente versato un contributo di mezzo milione di franchi al Fondo di risposta alle emergenze dell’ONU a favore dell’Ucraina. Attualmente, sulla base delle richieste internazionali di soccorso avanzate all’inizio di questa settimana, si sta vagliando la possibilità di erogare ulteriori contributi finanziari a organizzazioni internazionali, come le agenzie specializzate dell’ONU e il Movimento internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. Il sostegno dovrà anche andare a beneficio di quelle organizzazioni locali ben radicate nel territorio e già impegnate a fornire aiuto umanitario. Il pacchetto di sostegno della prima fase dell’Aiuto umanitario della Svizzera consiste in mezzi finanziari provenienti dal budget esistente ed è pari a 8 milioni di franchi.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel. Servizio di comunicazione: +41 58 462 31 53
Tel. Servizio stampa: +41 58 460 55 55
E-Mail: kommunikation@eda.admin.ch
Twitter: @EDA_DFAE


Pubblicato da

Dipartimento federale degli affari esteri
https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae.html

Segreteria generale del DDPS
https://www.vbs.admin.ch/

Aggruppamento Difesa
http://www.vtg.admin.ch

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-87418.html