Prodotto interno lordo nel 4° trimestre 2021: la ripresa continua, anche se con meno slancio

Berna, 28.02.2022 - Prodotto interno lordo nel 4° trimestre 2021: la ripresa continua, anche se con meno slancio Dopo l’incremento dell’1,9 % registrato nel 3° trimestre, il PIL svizzero è cresciuto dello 0,3%*. Come previsto, la ripresa economica è proseguita a un ritmo un po’ meno sostenuto. L’economia nazionale è stata rallentata dall’ultima ondata pandemica e dalle conseguenti misure di contenimento del virus. L’industria è cresciuta notevolmente, trainata in particolare dal comparto chimico-farmaceutico.

Nel 4° trimestre del 2021 le misure di politica sanitaria hanno pesato molto meno sull’economia rispetto alle prime ondate. Di conseguenza, non c’è stato un nuovo crollo vero e proprio dell’attività economica. Solo nel settore alberghiero e della ristorazione il valore aggiunto è calato in misura significativa (−2,9 %). Anche se il numero di ospiti negli alberghi ha di poco superato il livello del trimestre precedente, nell’industria della ristorazione è diminuita la domanda. Inoltre, nel 4° trimestre la mobilità della popolazione è aumentata solo leggermente: nel comparto dei trasporti e delle comunicazioni la crescita è rallentata (+1,2%). Anche il settore dell’arte, dell’intrattenimento e delle attività ricreative ha perso molto slancio (al netto degli eventi sportivi: +1,8 %).

Il commercio ha riportato nel complesso un leggero aumento (+0,4 %), sostenuto dall’andamento favorevole del comparto al dettaglio (+4,0 %). I generi alimentari, ma anche l’arredamento e l’elettronica hanno registrato una maggiore domanda. Gli acquisti di automobili sono invece diminuiti fortemente a seguito dei persistenti ritardi nelle consegne. Sono calati anche i consumi privati per i viaggi e i servizi della ristorazione. Nel complesso il consumo privato è cresciuto solo in misura modesta (+0,3 %). I consumi dello Stato sono aumentati in modo piuttosto marcato (+1,0 %), spinti dalle spese legate alla pandemia.

Dopo un trimestre negativo gli investimenti in beni di equipaggiamento hanno fatto segnare un incremento (+2,4 %), ad esempio nel settore dei macchinari e dei servizi informatici. In linea con il calo del valore aggiunto nell’edilizia (−0,8 %), gli investimenti nella costruzione hanno registrato una lieve flessione (−0,1%). Nel complesso la domanda interna ha avuto un andamento molto più contratto rispetto ai due trimestri precedenti. La crescita delle importazioni  è risultata altrettanto modesta (+0,2 %).

Il settore manifatturiero ha visto salire di molto il proprio valore aggiunto (+1,7 %). Anche se varie componenti industriali hanno fatto registrare risultati modesti per effetto dei problemi mondiali nelle catene di approvvigionamento, il comparto chimico-farmaceutico, meno colpito dalle strozzature nelle consegne, è stato di nuovo in grado di aumentare fortemente la sua produzione, il che ha determinato un netto incremento delle esportazioni di prodotti industriali. Il fatto che il totale delle esportazioni** segni comunque un calo (−0,5 %) è dovuto all’andamento negativo del commercio di transito.

Primi risultati per il 2021
Secondo i risultati provvisori disponibili, nel 2021 il PIL è cresciuto del 3,7 %***. L’economia svizzera si è quindi ripresa relativamente in fretta dal crollo del 2020 (−2,4 %). Nell’estate del 2021 è già stato superato il livello di valore aggiunto pre-crisi.

Nel 2021 quasi tutte le attività economiche si sono riprese, anche se in misura diversa. Il settore manifatturiero e quindi le esportazioni di merci hanno registrato un forte incremento. Anche ampi comparti del terziario hanno riacquistato vigore: in quelli più colpiti dalla pandemia o dalle misure di politica sanitaria, tuttavia, il valore aggiunto è risultato ancora di gran lunga inferiore ai livelli pre-crisi.

Informazioni utili
Per maggiori informazioni sull’andamento del PIL nel 4° trimestre 2021 è possibile consultare le tendenze congiunturali per la primavera 2022 (in tedesco e francese) sul sito www.seco.admin.ch/pil.
La pandemia da coronavirus si ripercuote anche sull’elaborazione delle statistiche. Come raccomandato da Eurostat, l’Ufficio statistico europeo, i dati di base e i metodi utilizzati nel calcolo del PIL attuale sono stati rivisti in dettaglio per evitare effetti distorsivi dovuti alla pandemia****. Alla luce dei dati disponibili è tuttavia possibile che nei prossimi trimestri siano necessarie revisioni più ampie del solito.

* Tasso di variazione reale rispetto al trimestre precedente. Al netto degli eventi sportivi, nel 3° e 4° trimestre la crescita del PIL si è attestata rispettivamente all'1,7 % e allo 0,5 %.
** Servizi e merci esclusi gli oggetti di valore.
*** Tassi di variazione reali rispetto all’anno precedente. Destagionalizzati, corretti per gli effetti di calendario e gli eventi sportivi, i tassi di variazione sono rispettivamente −2,6 % (2020) e 3,6 % (2021).
**** Cfr. https://ec.europa.eu/eurostat/data/metadata/covid-19-support-for-statisticians.


Indirizzo cui rivolgere domande

Segreteria di Stato dell'economia SECO
Holzikofenweg 36
CH-3003 Berna
tel. +41 58 462 56 56
fax +41 58 462 56 00



Pubblicato da

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-87355.html