Ostacoli tecnici al commercio: il Comitato misto si è riunito

Berna, 01.12.2021 - Il 1° dicembre 2021 si è svolta la 16° riunione del Comitato misto dell’Accordo sul reciproco riconoscimento in materia di valutazione della conformità Svizzera-UE (MRA). Le discussioni si sono concentrate sull'attuazione del capitolo sui dispositivi medici.

I fornitori di dispositivi medici stabiliti in Svizzera non beneficiano più dal 26 maggio 2021 delle agevolazioni previste dal MRA. A questa data, il MRA avrebbe dovuto essere aggiornato per tenere conto dell’attuazione completa della legislazione rivista in Svizzera e nell'UE. L'UE ha rifiutato di aggiornare l'accordo a causa del contesto politico.

Su richiesta della Svizzera, si è tenuta una riunione del Comitato misto del MRA per discutere le divergenze relative all’applicazione dell'accordo per i dispositivi medici che derivano da questa situazione. Ciò riguarda in particolare le disposizioni esistenti sul riconoscimento dei certificati dell'organismo svizzero di valutazione della conformità e l'etichettatura dei prodotti che sono contemplati dalla vecchia legislazione. Inoltre, la Svizzera ha ricordato che tutte le condizioni erano soddisfatte per l'aggiornamento completo del capitolo sui dispositivi medici dell'accordo e ha ribadito la sua richiesta di evitare collegamenti improduttivi tra i dossier. La Svizzera ha anche ricordato la sua disposizione a continuare le discussioni con l'UE.

Accesso facilitato al mercato
Il MRA, concluso nel quadro degli «Accordi bilaterali I», si fonda sul principio dell’equivalenza tra le prescrizioni svizzere e quelle dell’UE. Oltre a contribuire all’eliminazione degli ostacoli al commercio, l’Accordo consente di evitare doppioni nelle certificazioni e la fabbricazione di serie di prodotti diverse per il mercato svizzero e per quello dell’UE. Questo accesso facilitato al mercato riduce i costi e rafforza il commercio bilaterale.

I settori contemplati dal MRA costituivano nel 2020 circa due terzi degli scambi di prodotti industriali tra la Svizzera e l’UE-27. I venti settori di prodotti contemplati dall’Accordo rappresentavano nel 2020 un volume di esportazioni dalla Svizzera verso l’UE di oltre 76 miliardi di franchi e un volume di importazioni dall’UE di oltre 71 miliardi di franchi. Queste cifre includono i prodotti farmaceutici e chimici, per i quali l’Accordo copre solo una parte della valutazione della conformità («Buone prassi di fabbricazione» e «Buone prassi di laboratorio»).

La delegazione svizzera era guidata da Christophe Perritaz, caposettore Misure non tariffarie presso la SECO.


Indirizzo cui rivolgere domande

Segreteria di Stato dell'economia SECO
Holzikofenweg 36
CH-3003 Berna
tel. +41 58 462 56 56
fax +41 58 462 56 00


Pubblicato da

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-86218.html