Il Consiglio federale licenzia il messaggio concernente un’alimentazione elettrica sicura degli impianti di trasmissione della Confederazione

Berna, 17.11.2021 - Nella sua seduta del 17 novembre 2021 il Consiglio federale ha licenziato il messaggio concernente un decreto federale sul finanziamento di un’alimentazione elettrica sicura degli impianti di trasmissione Polycom della Confederazione. Grazie all’equipaggiamento degli impianti con sistemi a batteria viene garantita una comunicazione capillare su scala nazionale anche in caso di collasso della rete elettrica.

L’Amministrazione federale delle dogane (AFD) è responsabile delle stazioni di trasmissione Polycom di proprietà della Confederazione, ovvero di circa un terzo di tutte le stazioni. In caso di collasso della rete elettrica in Svizzera la comunicazione attraverso le reti pubbliche di radiocomunicazione non sarebbe più garantita. Il funzionamento del sistema radio di sicurezza Polycom sarebbe pertanto un fattore decisivo per le autorità e le organizzazioni attive nel campo del salvataggio e della sicurezza (AOSS) ai fini della gestione della situazione di crisi.

L’AFD ha verificato l’approvvigionamento elettrico delle proprie stazioni di trasmissione Polycom in vista di una potenziale penuria di energia elettrica. Un’interruzione di corrente di più di otto ore ridurrebbe notevolmente la copertura radio nell’area di confine. L’autonomia della corrente elettrica deve pertanto essere aumentata.

A tal fine sono necessari ulteriori sistemi di alimentazione di emergenza presso le stazioni di trasmissione Polycom della Confederazione. I nuovi impianti funzioneranno con batterie agli ioni di litio, caricate con elettricità da fonti di energia rinnovabile e le cui emissioni sono chiaramente ridotte rispetto a quelle dei gruppi elettrogeni di emergenza. In questo modo si tiene conto della richiesta principale emersa dalla procedura di consultazione, ovvero l’impiego di energie rinnovabili per l’alimentazione di emergenza. Dato che simili installazioni non sono ancora molto diffuse in Svizzera, si provvederà innanzitutto a verificare, nel quadro di una prova di fattibilità, la loro idoneità per l’impiego presso le stazioni di trasmissione Polycom.

A copertura delle uscite una tantum necessarie per investire nell’acquisto degli impianti nel periodo 2023–2026 nonché dei costi d’esercizio e manutenzione fino al 2035, il Consiglio federale chiede un credito d’impegno per un ammontare di 60 milioni di franchi.

Il credito si compone di due tranche: la prima (41,2 mio. fr.) comprende l’equipaggiamento completo delle stazioni della Confederazione con sistemi di emergenza sulla base di batterie agli ioni di litio. La seconda (18,8 mio. fr.) copre i costi aggiuntivi nel caso in cui dalla prova di fattibilità emergessero risultati che rendono parzialmente o interamente impossibile la realizzazione della variante con le batterie agli ioni di litio. La seconda tranche è liberata dal Consiglio federale in caso di necessità.


Indirizzo cui rivolgere domande

Servizio stampa
Amministrazione federale delle dogane AFD
Tel. +41 58 462 67 43, medien@ezv.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Amministrazione federale delle dogane
http://www.ezv.admin.ch

UFPP - Ufficio federale della protezione della popolazione
http://www.bevoelkerungsschutz.admin.ch/

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-85930.html