Riorganizzazione dell’omologazione dei prodotti fitosanitari

Berna, 17.11.2021 - Il 17 novembre 2021 il Consiglio federale ha approvato le modifiche legislative necessarie per il trasferimento del servizio d'omologazione dei prodotti fitosanitari all'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) a partire dal 1° gennaio 2022. Ha altresì rafforzato le competenze dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), incaricandolo di valutare i rischi dei prodotti fitosanitari per l'ambiente. L’Ufficio federale dell'agricoltura (UFAG) sarà responsabile della valutazione del loro effetto per quanto concerne la protezione delle colture.

Il 17 febbraio 2021 il Consiglio federale aveva deciso di trasferire il servizio d'omologazione dei prodotti fitosanitari dall'UFAG all'USAV e di rafforzare le competenze dell'UFAM in relazione alla procedura di omologazione. La decisione scaturiva dalle raccomandazioni di un rapporto di valutazione esterno pubblicato nel 2019. A nove mesi di distanza ha approvato una modifica dell'ordinanza sui prodotti fitosanitari (OPF) che concretizza tali adeguamenti con effetto al 1° gennaio 2022.

Le competenze dei quattro Uffici federali (UFAG, USAV, UFAM e SECO) coinvolti nella procedura sono state ridefinite allo scopo di rafforzare l'indipendenza degli enti preposti all'omologazione.

Oltre a valutare la tossicità per l'uomo nonché i rischi per gli utilizzatori non professionali e la popolazione esposta, dal 1° gennaio 2022 l'USAV sarà responsabile del servizio d'omologazione e dell'OPF. Per garantire la sua indipendenza in seno all'USAV, sul piano organizzativo il servizio d’omologazione sarà separato dall'unità preposta alla valutazione e sarà subordinato al direttore dell'USAV.

L'UFAM sarà incaricato di valutare gli aspetti ambientali, segnatamente i rischi per le acque sotterranee o per gli organismi non bersaglio come gli uccelli.

L'UFAG e Agroscope valuteranno l'effetto dei prodotti fitosanitari per quanto concerne la protezione delle colture contro malattie e parassiti.

La Direzione del lavoro della Segreteria di Stato dell'economia (SECO) garantirà, come finora, la protezione degli utilizzatori e degli operatori professionali.

Il comitato di direzione prodotti chimici e prodotti fitosanitari, composto dai direttori dell'UFAM, dell'UFSP, dell'USAV, dell'UFAG e della SECO, sarà incaricato di definire la strategia in materia di autorizzazione dei prodotti fitosanitari.

L'adozione di queste modifiche legislative da parte del Consiglio federale è una prima tappa per ottimizzare il processo d'omologazione dei prodotti fitosanitari. Entro il secondo semestre del 2023 verranno sottoposte modifiche supplementari al Consiglio federale, in particolare per migliorare la trasparenza e la comunicazione dell'OPF.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DEFR
info@gs-wbf.admin.ch
058 462 20 07

Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria
media@blv.admin.ch
+41 58 463 78 98

Servizio Comunicazione SG DATEC
info@gs-uvek.admin.ch
058 462 55 11


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria
http://www.blv.admin.ch

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-85919.html