Inviata in consultazione la modifica della legge sulla protezione dell’ambiente

Berna, 08.09.2021 - Con la modifica della legge sulla protezione dell’ambiente, il Consiglio federale vuole accelerare il risanamento dei siti inquinati. L’attenzione è rivolta soprattutto ai siti inquinati dove giocano regolarmente bambini piccoli. Gli inquinanti presenti mettono infatti in pericolo la loro salute. Il Consiglio federale intende creare ulteriori incentivi volti a garantire che questi siti siano esaminati e risanati il prima possibile. Ulteriori modifiche riguardano la protezione contro il rumore e lo sviluppo degli insediamenti come pure l’aggiornamento delle norme di diritto penale ambientale riferite al crimine organizzato. Il Consiglio federale ha inviato in consultazione le modifiche il 8° settembre 2021.

I siti dove giocano regolarmente bambini piccoli possono essere inquinati dalla concimazione dei suoli causata dalla deposizione di ceneri di impianti di riscaldamento a legna e a carbone, un tempo diffusa, come pure dalle immissioni di inquinanti atmosferici del passato, provenienti ad esempio dalle emissioni degli impianti di incenerimento dei rifiuti (IIRU). Il Consiglio federale intende creare incentivi nella legge sulla protezione dell’ambiente (LPAmb) affinché tali siti siano risanati il prima possibile. La revisione della LPAmb introdurrebbe l’obbligatorietà dell’esame e del risanamento dei parchi giochi pubblici per bambini e degli spazi verdi. Il Consiglio federale vorrebbe destinare fondi supplementari a sostegno dei Cantoni. Il risanamento dei campi da gioco per bambini e dei giardini privati rimarrebbe comunque volontaria, ma nella legge verrebbe introdotta una raccomandazione in tal senso. La Confederazione stanzierebbe anche un contributo finanziario a sostegno dei costi di risanamento. Il Consiglio federale vorrebbe così introdurre un incentivo per il risanamento dei suoli privati.

Le discariche o le attività industriali del passato hanno inquinato molti siti e il Consiglio federale vuole esaminare e risanare anche questi il prima possibile. Secondo la modifica della legge, la Confederazione indennizzerebbe i costi delle indagini preliminari fino al 2028 e quelli del risanamento fino al 2040. Nei casi in cui risultasse impossibile identificare l’autore dell’inquinamento o se costui è insolvente, il contributo della Confederazione ai costi delle misure di risanamento aumenterà dal 40 al 60 per cento. Inoltre, è prevista l’introduzione di una compensazione forfettaria supplementare a sostegno dei costi amministrativi dei Cantoni.

Gli impianti di tiro a 300 metri sono inquinati da metalli pesanti come il piombo. Il loro risanamento è in corso da tempo. Secondo la modifica proposta, in futuro non verrà più versata una somma forfettaria per singolo bersaglio, ma, in conformità a un mandato del Parlamento, la Confederazione si assumerà di regola il 40 per cento dei costi di risanamento.

La modifica della LPAmb si prefigge inoltre di contribuire al raggiungimento degli obiettivi della Strategia Suolo, adottata dal Consiglio federale l’8 maggio 2020. La strategia ha come obiettivo di prevenire in Svizzera ogni perdita netta di suolo partire dal 2050.

Coordinare meglio la protezione contro il rumore e lo sviluppo degli insediamenti

La modifica mira a migliorare le possibilità di uno sviluppo centripeto degli insediamenti, proteggendo al contempo la popolazione contro il rumore. La LPAmb dovrà ora prevedere criteri per il rilascio di permessi di costruzione in zone esposte a rumore, i quali sostituirebbero la ponderazione degli interessi attualmente prevista dalla legislazione contro l’inquinamento fonico e quindi aumenterebbero la certezza del diritto.

La revisione mira inoltre a coordinare meglio la protezione della tranquillità e lo sviluppo centripeto degli insediamenti. Di conseguenza, nell’ambito della pianificazione di un spazi residenziali aggiuntivi in zone esposte a rumore, occorre prevedere spazi aperti tranquilli per lo svago delle persone. Il Consiglio federale attua in tal modo una mozione del Parlamento.

Aggiornamento delle norme di diritto penale della LPAmb

Poiché la criminalità ambientale si è nel frattempo trasformata in un affare miliardario globale, il Consiglio federale vuole inasprire le norme di diritto penale in quest’ambito e introdurre il reato di «crimine ambientale». Questo consentirà di imporre pene più severe al crimine organizzato e di perseguire meglio il riciclaggio di denaro. Con l’introduzione di una nuova disposizione sulla divulgazione di informazioni, la revisione mira inoltre a promuovere una più stretta cooperazione tra le forze dell’ordine e le autorità ambientali.

Altre modifiche

Per attuare il programma di e-government del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) nel settore ambientale, sono necessarie nuove basi legali. In tal modo le procedure in precedenza svolte per iscritto verrebbero attuate elettronicamente.

In futuro la Confederazione contribuirà al finanziamento della formazione o della formazione continua per l’impiego di prodotti fitosanitari finalizzata all’ottenimento di un’autorizzazione speciale. Il Piano d'azione per la riduzione del rischio e l'utilizzo sostenibile di prodotti fitosanitari adottato dal Consiglio federale nel 2017 prevede un obbligo di formazione continua.

Infine, gli articoli che disciplinano le tasse d’incentivazione sul tenore di zolfo del gasolio «extra leggero» come pure quelli relativi alla benzina e al diesel sono abrogati senza essere sostituiti. Dall’entrata in vigore, nel 2008, della revisione dell’ordinanza contro l’inquinamento atmosferico (OIAt) possono essere importati o immessi sul mercato in Svizzera solo carburanti con un tenore di zolfo inferiore ai valori limite previsti dalla tassa d’incentivazione. Non sussiste quindi più alcun motivo per mantenere in vigore le disposizioni sulla tassa d’incentivazione relativa al tenore di zolfo.

Il Consiglio federale ha avviato il 8° settembre 2021 la consultazione sulla modifica della LPAmb. La consultazione durerà fino al 30 dicembre 2021.


Indirizzo cui rivolgere domande

Sezione Media, UFAM, medien@bafu.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-85026.html