«San Padre Pio»: la Svizzera e la Nigeria firmano un accordo per il rilascio della nave

Berna, 20.05.2021 - Il DFAE e il Ministero della giustizia nigeriano hanno firmato un accordo che prevede il rilascio immediato della nave «San Padre Pio» da parte della Nigeria. Il bastimento battente bandiera svizzera è stato confiscato a gennaio 2018 nella zona economica esclusiva della Nigeria.

Il 20 maggio 2021, a seguito di importanti sforzi diplomatici condotti dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) in collaborazione con il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) e il Dipartimento federale delle finanze (DFF), è stato firmato un memorandum d’intesa che prevede il rilascio immediato della nave. Ora spetta alla Nigeria rilasciarla e alle società coinvolte nella gestione della «San Padre Pio» adottare le misure operative necessarie all’effettiva partenza dell’imbarcazione.

L’accordo è stato firmato dal ministro della giustizia nigeriano e dall’ambasciatore di Svizzera in Nigeria..

L’intesa fa seguito ai molteplici interventi della Svizzera presso le autorità nigeriane in vista del rilascio della nave. Non appena la nave sarà uscita dalla zona economica esclusiva della Nigeria, la procedura giudiziaria pendente dinanzi al Tribunale internazionale del diritto del mare (ITLOS) di Amburgo potrà essere terminata.

La «San Padre Pio» è stata confiscata a gennaio 2018 nella zona economica esclusiva della Nigeria. La Svizzera aveva intentato una procedura giudiziaria dinanzi al Tribunale internazionale del diritto del mare.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel. Servizio di comunicazione: +41 58 462 31 53
Tel. Servizio stampa: +41 58 460 55 55
E-Mail: kommunikation@eda.admin.ch
Twitter: @EDA_DFAE



Pubblicato da

Dipartimento federale degli affari esteri
https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae.html

Segreteria generale DFF
http://www.efd.admin.ch

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-83618.html