Potenziata la collaborazione con il FMI per sostenere i Paesi in via di sviluppo

Berna, 12.05.2021 - La Svizzera rafforza la collaborazione con il Fondo monetario internazionale (FMI) nei Paesi in via di sviluppo. Il 12 maggio 2021 il Consiglio federale ha deciso che nei prossimi cinque anni saranno stanziati a tal fine 25 milioni di franchi.

Nel corso dei prossimi cinque anni verranno portate avanti le misure di assistenza tecnica ai Paesi in via di sviluppo che la Svizzera finanzia in collaborazione con il FMI. La Svizzera potrà così continuare a offrire assistenza tecnica su temi economici centrali in maniera flessibile e funzionale alle esigenze specifiche. Uno dei principali compiti del FMI è quello di fornire consulenza in materia di politica economica, ragione per cui questa collaborazione crea un alto valore aggiunto per la Svizzera e ne rafforza il profilo nelle istituzioni finanziarie internazionali.

I progetti di assistenza tecnica del FMI hanno sempre favorito la crescita durevole dell'economia nei Paesi beneficiari, hanno aiutato a definire sistemi di gestione delle finanze pubbliche ben funzionanti, efficienti ed efficaci e a sviluppare un settore finanziario stabile e sicuro. In Colombia, Perù, Tunisia e Ucraina, per esempio, il programma di assistenza ha contribuito a introdurre un indice dei prezzi degli immobili residenziali che consente di riconoscere per tempo eventuali bolle immobiliari. In Albania è stata sviluppata una strategia per ridurre i rischi valutari legati alla forte dipendenza dall'euro. Questi interventi concorrono ad aumentare la stabilità finanziaria e la resilienza alle crisi.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DEFR
info@gs-wbf.admin.ch
+41 58 462 20 07


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-83506.html