Conclusa la settima visita periodica alla Svizzera del Comitato per la prevenzione della tortura

Berna, 01.04.2021 - Giovedì, la delegazione del Comitato europeo per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti (CPT) ha concluso la sua settima visita periodica in Svizzera. Durante il soggiorno di 11 giorni la delegazione ha reso visita a varie strutture detentive nei Cantoni di Ginevra, Vaud, Argovia, Soletta, Berna e Zurigo.

Nella sua settima visita periodica, svoltasi dal 22 marzo al 1° aprile, il Comitato europeo per la prevenzione della tortura ha reso visita a varie strutture detentive in Svizzera. La delegazione ha ispezionato in particolare il carcere Champ-Dollon e lo stabilimento chiuso Curabilis a Ginevra, diverse strutture della polizia cantonale di Ginevra, il carcere Bois-Mermet a Losanna, la clinica psichiatrica forense a Königsfelden AG, l’istituto di esecuzione delle pene di Soletta, il penitenziario di Thorberg e l’istituto di esecuzione delle misure di Uitikon ZH. La delegazione, accompagnata da esperti e interpreti, ha visitato persone private della libertà in seguito a una decisione delle autorità fondata sul diritto penale, sul diritto procedurale penale, sul diritto civile e amministrativo o sul diritto penale militare.

Il Comitato europeo per la prevenzione della tortura presenterà al Consiglio federale un rapporto sulla situazione riscontrata nelle strutture e nei luoghi visitati, nel quale formulerà anche raccomandazioni per migliorare le condizioni di detenzione basandosi sulla Convenzione europea per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti.

Composto di giuristi, medici, specialisti dell’esecuzione delle pene e altri esperti, il Comitato europeo per la prevenzione della tortura ha sede a Strasburgo ed è un organo del Consiglio d’Europa. Organizza autonomamente visite negli Stati membri; la Svizzera è stata oggetto di visite nel 1991, 1996, 2001, (2003 visita ad hoc, a supplemento delle visite periodiche), 2007, 2011 e 2015. Nel corso di tali ispezioni i membri del Comitato hanno il diritto di intrattenersi senza testimoni con i detenuti.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ronald Gramigna, Ufficio federale di giustizia, T +41 58 462 41 71, ronald.gramigna@bj.admin.ch


Pubblicato da

Ufficio federale di giustizia
http://www.bj.admin.ch

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-82948.html