Emissione sperimentale di OGM: l’UFAM autorizza una ricerca complementare

Berna, 31.03.2021 - Il 31 marzo 2021, l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) ha autorizzato l’Università di Zurigo ad effettuare un’emissione sperimentale delle linee di grano geneticamente modificato con una migliore resistenza all’oidio. Si tratta di una ricerca complementare agli esperimenti autorizzati nel 2019.

Dal 2008 l’Istituto di biologia vegetale e microbiologia vegetale dell’Università di Zurigo conduce esperimenti in campo aperto utilizzando linee di grano transgenico con una migliore resistenza all’oidio (un fungo patogeno delle piante). L’obiettivo è capire meglio come queste linee si comportano in campo aperto e come le varie combinazioni di geni influenzano la resistenza.

Nell’ambito di questa ricerca, l’UFAM ha autorizzato nel 2019 un’emissione sperimentale in campo aperto con linee di grano transgenico per il periodo 2019-2023. La presente domanda rappresenta un complemento a questa ricerca ed è volta a confrontare linee parentali rilasciate tra il 2008 e il 2010 e tra il 2014 e il 2018 con le linee della sperimentazione in corso.

Poiché la domanda persegue obiettivi simili, le linee transgeniche sono state utilizzate in sperimentazioni già autorizzate e la documentazione delle sperimentazioni precedenti è disponibile, l’UFAM ha accettato una domanda di autorizzazione semplificata. Il 31 marzo 2021 ha così approvato l’emissione sperimentale e definito le misure che l’Università di Zurigo dovrà adottare per evitare l’emissione di materiale geneticamente modificato fuori dall’area sperimentale. Queste condizioni sono simili a quelle imposte agli esperimenti già condotti con grano geneticamente modificato.

Le emissioni saranno condotte a Reckenholz (ZH) nel sito protetto dell’istituto di ricerca Agroscope e contribuiranno sia alla ricerca di base sia allo studio degli aspetti sulla biosicurezza riguardanti l’emissione di piante geneticamente modificate.

In Svizzera la coltivazione di piante geneticamente modificate per scopi di ricerca è soggetta ad autorizzazione. La moratoria vigente ne vieta l’utilizzo in agricoltura fino alla fine del 2021. Nel novembre 2020, il Consiglio federale ha posto in consultazione una modifica della legge sull’ingegneria genetica (LIG) che mira a prorogare questa moratoria fino a fine 2025. I risultati della consultazione sono attualmente in fase di analisi.


Indirizzo cui rivolgere domande

Sezione Media
Telefono: +41 58 462 90 00
E-mail: mediendienst@bafu.admin.ch



Pubblicato da

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-82918.html