WEF 2020, programma dei membri del Consiglio federale

Berna, 17.01.2020 - In occasione del 50° anniversario del World Economic Forum (WEF) il Consiglio federale intende sottolineare l’importanza della manifestazione di Davos. Tutti i membri del Governo saranno presenti all’edizione di quest’anno. In programma sono previsti circa 60 colloqui bilaterali. Martedì 21 gennaio 2020 la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga aprirà la manifestazione con il prof. Klaus Schwab.

Il Governo coglierà l’occasione per ringraziare il fondatore del WEF, il suo entourage e i suoi collaboratori, che hanno fatto dell’incontro annuale una delle manifestazioni socio-politiche ed economiche più importanti del mondo.

Lunedì 20 gennaio, alla vigilia della manifestazione, si terrà a Davos un incontro tra la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, a cui parteciperanno anche il consigliere federale Ignazio Cassis e la consigliera federale Karin Keller-Sutter. Martedì 21 gennaio è previsto anche un incontro con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Da parte della Svizzera saranno presenti anche i consiglieri federali Ueli Maurer, Guy Parmelin e Ignazio Cassis.

Sono stati inoltre pianificati numerosi altri colloqui, in particolare con i presidenti della Colombia Ivan Duque, della Repubblica Democratica del Congo Félix Tshisekedi e dell’Azerbaigian Ilham Alijew. Il programma comprende anche colloqui con la cancelliera tedesca Angela Merkel, il capo del Governo spagnolo Pedro Sanchez e il vicepremier cinese Han Zheng. La presidente della Confederazione parteciperà inoltre a più eventi che verteranno sulla conciliabilità tra sviluppo economico e protezione del clima.

Il consigliere federale Guy Parmelin, vicepresidente della Confederazione e capo del Dipartimento dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR), coglierà l’occasione per curare i contatti e allacciarne di nuovi sia con colloqui bilaterali che multilaterali. A livello bilaterale, incontrerà il ministro americano del lavoro Eugene Scalia, il ministro brasiliano dell’economia Paulo Guedes, il ministro indiano del commercio e dell’industria Piyush Goyal, il ministro malese del commercio e dell’industria Ignatius Darell Leiking, il ministro francese dell’economia e delle finanze Bruno Le Maire, il ministro russo dell’economia Maxim Oreshkin e molti altri. Sono stati concordati colloqui anche con la commissaria europea per la gioventù e l’innovazione Mariya Gabriel e il commissario europeo per il commercio Phil Hogan. A livello multilaterale, sono previsti incontri con i presidenti delle banche di sviluppo, nell’ambito dell’incontro ministeriale OMC.

ll consigliere federale Ignazio Cassis, capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), discuterà il legame tra la tecnologia e la politica estera con i rappresentanti della politica, dell’economia e delle scienze e approfondirà la tematica nel corso di diversi eventi. In occasione del Geneva Day, evento organizzato dal DFAE che si terrà martedì, il consigliere federale Cassis interverrà sul tema «How to Govern Digital Interdependence». Parteciperà anche a un altro evento organizzato dal DFAE, più precisamente dalla DSC, sul tema «Tech4good», che verterà sugli approcci innovativi nel settore del clima nell’ambito della cooperazione allo sviluppo favoriti dalla collaborazione con la scienza e la tecnica. Rafforzare il legame tra tecnologia e politica estera è anche uno degli obiettivi prioritari del DFAE nel 2020.

Sono inoltre previsti colloqui bilaterali con i ministri degli esteri di Italia, Finlandia, Ungheria, Sudafrica e Iraq nonché un incontro con i primi ministri dell’Autorità palestinese e della Polonia. In questi colloqui saranno trattati, tra gli altri temi, anche le relazioni bilaterali e i buoni uffici. Negli incontri con i rappresentanti dell’UE il consigliere federale Cassis discuterà di tematiche europee. Con Klaus Schwab, presidente del WEF, firmerà inoltre una convenzione volta a identificare nuovi settori di cooperazione.

Il consigliere federale Alain Berset, capo del Dipartimento federale dell’interno (DFI), incontrerà anche i ministri della sanità Luiz Henrique Mandetta (Brasile) e Bruno Bruins (Paesi Bassi) e ribadirà il suo appello all’azione internazionale per garantire una copertura sanitaria universale nelle situazioni di emergenza. Avrà un colloquio anche con Phumzile Mlambo-Ngcuka, segretaria aggiunta delle Nazioni Unite e direttrice dell’UN Women. La politica in materia di uguaglianza di genere e la prossima sessione della Commissione sullo status delle donne saranno al centro delle loro discussioni. Insieme al direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus, il consigliere federale Berset parteciperà infine a un evento in occasione del quale tratterà la necessità di statistiche di qualità nel settore della sanità per realizzare gli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dalle Nazioni Unite.

La consigliera federale Karin Keller-Sutter
, capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), tratterà a Davos questioni di attualità nei settori della migrazione, della sicurezza e del terrorismo. Nella sua agenda sono previsti diversi incontri bilaterali.

La consigliera federale Viola Amherd
, capo del Dipartimento della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DPPS), incentrerà le sue discussioni sui temi prioritari della politica di sicurezza, in particolare la ciberdifesa, il promovimento militare della pace e la promozione della rappresentanza femminile nel settore della sicurezza. Tra gli altri, è previsto un colloquio con la ministra tedesca della difesa Annegret Kramp-Karrenbauer in cui saranno affrontati la collaborazione bilaterale in materia di politica di sicurezza e altri temi. La capodipartimento farà inoltre visita a una truppa dell’esercito che sarà impiegata al WEF.

Il consigliere federale Ueli Maurer
, capo del Dipartimento federale delle finanze (DFF), terrà colloqui bilaterali con i ministri delle finanze di altri Stati, nel quadro usuale.

L’incontro annuale del WEF offre l’opportunità di numerosi altri contatti e colloqui non pianificati; il programma potrà pertanto ancora subire cambiamenti dell’ultimo minuto.

«House of Switzerland» al WEF 2020

Visto il grande successo ottenuto dal progetto pilota nel 2019, anche nel 2020 la Svizzera concentrerà la sua presenza ufficiale al WEF nella «House of Switzerland» allo stadio del ghiaccio a Davos. Per l’edizione di quest’anno sono state aggiunte nuove sale riunioni per i colloqui bilaterali dei consiglieri federali e ulteriori sale per eventi tematici.

Sotto la responsabilità di Presenza Svizzera (DFAE), la «House of Switzerland» a Davos funge da piattaforma di comunicazione per la Svizzera in qualità di Stato ospite e polo di scambio di opinioni. In occasione di diversi eventi tematici gli attori della politica, dell’economia e della scienza si riuniranno per discutere e trovare soluzioni alle sfide globali. Gli argomenti trattati spaziano dalla tecnologia al servizio dello sviluppo sostenibile, alla cibersicurezza nell’approvvigionamento energetico all’alimentazione sostenibile o ai modelli di finanziamento sostenibile. Sei delle manifestazioni previste si iscrivono nel programma ufficiale del WEF come cosiddette «affiliated sessions». Anche il Politecnico federale di Losanna sarà presente con un’esposizione.

La «House of Switzerland» non è solo un luogo di incontri ufficiali, ma anche di incontri informali per la delegazione svizzera con i suoi ospiti e partner internazionali nonché per gli operatori dei media. Mercoledì sera aprirà le sue porte alla popolazione locale dalle ore 20.00. L’incontro annuale del WEF riunisce i principali attori mondiali in Svizzera da 50 anni. Per questa 50a edizione, la Confederazione ha ordinato un volume illustrato sulla storia del WEF intitolato «Hosting the World», che verrà presentato martedì sera in occasione dell’inaugurazione della «House of Switzerland».


Indirizzo cui rivolgere domande

Serge Kuhn
Comunicazione Servizio presidenziale, Cancelleria federale
058 463 71 34
serge.kuhn@bk.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale degli affari esteri
https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae.html

Dipartimento federale dell'interno
http://www.edi.admin.ch

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport
http://www.vbs.admin.ch

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-77832.html