Il Consiglio federale adotta la revisione di tre ordinanze nel settore energetico

Berna, 23.10.2019 - Nella sua seduta del 23 ottobre 2019 il Consiglio federale ha adottato le revisioni parziali dell'ordinanza sull'efficienza energetica, dell'ordinanza sulla promozione dell'energia e dell'ordinanza sull'energia. L'obiettivo di queste revisioni è semplificare e precisare una serie di regolamenti esistenti e adeguare alcune basi di calcolo. Queste comprendono, tra l'altro, la presentazione più chiara e leggibile dell'etichettaEnergia per le automobili, una leggera diminuzione dei tassi di rimunerazione per impianti fotovoltaici, resa possibile dal costante calo dei prezzi degli impianti, nonché contributi d'investimento più elevati per impianti idroelettrici di grandi dimensioni per i quali si intende potenziare la capacità di stoccaggio. Questi ultimi hanno lo scopo di garantire un migliore approvvigionamento di energia, in particolare nei mesi invernali. Le modifiche delle ordinanze entreranno in vigore il 1° gennaio 2020.

Punti salienti delle revisioni

Ordinanza sull'efficienza energetica (OEEne)

  • EtichettaEnergia per le automobili: le indicazioni sull'etichettaEnergia vengono semplificate allo scopo di migliorarne la comprensibilità e la leggibilità.
  • Obiettivi di emissioni di CO2 per l'etichettaEnergia: il valore da indicare viene aumentato del 21 per cento rispetto a quello della legge sul CO2. In tal modo si tiene conto del fatto che l'obiettivo della legge si basa sul NEDC (Nuovo ciclo di guida europeo), mentre d'ora in poi per l'etichettaEnergia si farà riferimento ai valori di misurazione della WLTP, in media più elevati (Worldwide Light Vehicles Test Procedure; vedi a riguardo comunicato stampa del 27.06.2018 concernente il passaggio dal NEDC alla WLTP).
  • Classificazione delle automobili nelle categorie di efficienza energetica: in futuro non si prenderà più in considerazione il peso a vuoto (finora se ne era tenuto conto con una ponderazione del 30 per cento). D'ora in poi sarà determinante solamente il consumo di energia assoluto derivante dall'equivalente benzina per l'energia primaria. Quest'ultimo comprende l'energia necessaria per la messa a disposizione del carburante e dell'elettricità.
  • Pubblicità per le automobili: i dati da indicare nella pubblicità si limiteranno al consumo di energia, alle emissioni di CO2 e alla categoria di efficienza energetica. In aggiunta si dovrà rappresentare la categoria di efficienza energetica mediante la scala a colori con freccia, anche nella pubblicità online.
  • Miscela di gas naturale e biogas: la quota biogena riconosciuta della miscela di gas naturale e biogas è fissata al 20 per cento.

Ordinanza sulla promozione dell’energia (OPEn)

  • Dal 2018 è possibile richiedere contributi d'investimento per gli impianti idroelettrici di grandi dimensioni nuovi nonché per considerevoli ampliamenti o rinnovamenti di tali impianti. D'ora in poi gli impianti di cui viene potenziata la capacità di stoccaggio otterranno un contributo massimo più elevato (40% invece del 35%) Inoltre la capacità di stoccaggio di energia aggiuntiva verrà presa in considerazione nel stabilire l'ordine di priorità.
  • Adeguamento dei tassi di rimunerazione per impianti fotovoltaici: data l'attuale evoluzione del mercato, i tassi di rimunerazione per l'immissione di elettricità (RIC) e della rimunerazione unica (RU) vengono adeguati, con effetto dal 1° aprile 2020. La RIC per gli impianti fotovoltaici è aumentata a 9 ct./kWh, mentre il contributo di base della RU per gli impianti fotovoltaici annessi e isolati passa da 1400 a 1000 franchi. In modo analogo vengono adeguate le rimunerazioni uniche per gli impianti integrati; in media saranno superiori di circa il 10 per cento rispetto a quelle degli impianti annessi e isolati. La riduzione delle rimunerazioni ha come effetto positivo quello di sbloccare fondi per uno smaltimento più rapido delle liste d'attesa.
  • Geotermia: sono prorogate le scadenze per l'inoltro delle notifiche di stato di avanzamento e di messa in esercizio dei progetti di geotermia, come già è avvenuto per i progetti di impianti eolici e idroelettrici in occasione dell'ultima revisione dell'OPEn.
  • Impianti idroelettrici e a biomassa: la formula per calcolare la rimunerazione per l'immissione di elettricità in caso di ampliamenti o rinnovamenti successivi viene precisata in modo tale che, anche in caso di ripetuti ampliamenti o rinnovamenti successivi, viga chiarezza quanto al tasso di rimunerazione.

Ordinanza sull'energia (OEn)

  • Sportello unico Energia eolica: lo sportello si trova presso l'Ufficio federale dell'energia ed è operativo dal giugno 2018. Esso è responsabile del coordinamento e del rispetto delle scadenze per l'inoltro dei pareri e delle autorizzazioni di autorità federali necessari per la pianificazione e l'autorizzazione cantonali di impianti eolici. Le scadenze stabilite nell'OEn, in particolare quelle necessarie per i complessi accertamenti da effettuare nel settore aeronautico, sono a volte troppo brevi. D'ora in poi sarà possibile una loro proroga caso per caso per un massimo di due mesi.
  • Raggruppamento ai fini del consumo proprio: per quanto concerne i raggruppamenti ai fini del consumo proprio (RCP), si chiarisce che, per la determinazione del limite superiore dei costi interni addebitabili ai locatari, devono essere presi in considerazione i costi relativi al prodotto elettrico standard esterno che il singolo partecipante all'RCP acquisterebbe se non ne facesse parte.
  • Rimborso del supplemento rete: d'ora in poi il principio secondo il quale il plusvalore lordo è determinato sulla base del conto annuale varrà per tutte le imprese soggette all'obbligo di tenuta della contabilità e presentazione dei conti conformemente al diritto delle obbligazioni, a prescindere dal loro obbligo di revisione. In tal modo si ha una maggiore parità di trattamento dei richiedenti, aumenta la trasparenza e diminuiscono gli oneri delle imprese relativi alla presentazione delle domande.

Da giugno a ottobre 2019 è stata condotta una procedura di consultazione in merito alle revisioni parziali delle ordinanze (vedi rapporto sugli esiti della consultazione). Le modifiche entreranno in vigore il 1° gennaio 2020.


Indirizzo cui rivolgere domande

Marianne Zünd, Capo Media e politica UFE, tel. +41 58 462 56 75, marianne.zuend@bfe.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dell'energia
http://www.bfe.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-76783.html