Raccomandazioni dell’ONU per l’attuazione del Patto I da parte della Svizzera

Berna, 22.10.2019 - Il 21 ottobre 2019, in occasione della sua 66a sessione a Ginevra, il Comitato dei diritti economici, sociali e culturali ha rivolto alla Svizzera le proprie raccomandazioni concernenti l’attuazione del Patto I dell’ONU.

Tuttora preoccupato per la questione della tutela giuridica dei diritti economici, sociali e culturali, il Comitato ha rivolto alla Svizzera una trentina di raccomandazioni. L’organismo dell’ONU insiste in particolare sull’impatto del cambiamento climatico in relazione ai diritti economici, sociali e culturali, sulla custodia dei figli e sull’integrazione nel mercato del lavoro dei lavoratori senior e delle persone disabili. Il Comitato raccomanda al nostro Paese di adottare una legge generale contro le discriminazioni e di creare un’istituzione nazionale che difenda i diritti umani. Le altre raccomandazioni riguardano in particolare le misure di lotta alla povertà, le imprese e i diritti umani nonché l’integrazione delle minoranze.
Il Consiglio federale prenderà prossimamente atto delle raccomandazioni del Comitato e deciderà quale seguito darvi per garantirne l’attuazione in Svizzera.

L’esame della Svizzera si è svolto il 1° e il 2 ottobre 2019. In tale circostanza una delegazione della Confederazione e dei Cantoni ha presentato il 4° rapporto della Svizzera sull’attuazione del Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali (Patto I). La delegazione svizzera ha avuto un dialogo costruttivo con il Comitato e si è pronunciata sulle questioni sollevate dagli esperti dell’ONU. 

Nelle sue conclusioni, il Comitato loda la Svizzera per aver ratificato negli ultimi anni diversi strumenti internazionali e riconosce l’adozione e la realizzazione di varie misure legislative e non legislative che hanno contribuito alla attuazione dei diritti economici, sociali e culturali nel nostro Paese.

Il Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali (Patto I) è stato adottato dall’Assemblea generale della Nazioni Unite il 16 dicembre 1966. Definisce i diritti individuali di ciascun essere umano, gli obblighi d’intervento degli Stati firmatari e gli obiettivi. Il Comitato per i diritti economici, sociali e culturali – organismo composto da 18 esperti indipendenti – sorveglia l’attuazione del Patto I da parte dei 170 Stati membri, tra cui la Svizzera, che vi ha aderito il 18 giugno 1992.


Indirizzo cui rivolgere domande

Segreteria di Stato dell'economia SECO
Holzikofenweg 36
CH-3003 Berna
tel. +41 58 462 56 56
fax +41 58 462 56 00



Pubblicato da

Segreteria di Stato dell'economia
http://www.seco.admin.ch

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-76762.html