Confine turco-siriano: la Svizzera esorta tutte le parti a rinunciare alle ostilità

Berna, 09.10.2019 - La Svizzera segue con preoccupazione gli sviluppi recenti sul confine turco-siriano nel Nord-Est della Siria. Invita tutte le parti a rinunciare alle ostilità e a rispettare il diritto internazionale, in particolare il diritto internazionale umanitario.

La Svizzera segue con preoccupazione l’aumento delle ostilità nel Nord-Est della Siria. Un’ulteriore escalation avrebbe gravi conseguenze per la popolazione civile, già in grande difficoltà, e potrebbe destabilizzare ancora di più la situazione in Siria e nella regione. Per questo, la Svizzera chiede a tutte le parti di rispettare il diritto internazionale e, in particolare, lo Statuto delle Nazioni Unite, il diritto internazionale umanitario e i diritti umani. Il DFAE ha espresso questa posizione nei confronti delle parti interessate.

La protezione della popolazione e delle infrastrutture civili e l’accesso umanitario immediato, duraturo e privo di ostacoli alle persone nel bisogno devono essere garantiti in ogni momento.

La Svizzera fa appello alle parti coinvolte affinché riprendano i negoziati per allentare le tensioni e risolvere i conflitti politicamente. I fattori all’origine del conflitto in Siria possono essere eliminati in modo duraturo solo attraverso un processo di pace nel quadro dell’ONU. L’intenzione del segretario generale dell’ONU di convocare a Ginevra un comitato costituzionale siriano sarebbe un primo passo verso una soluzione politica del conflitto. La Svizzera sostiene attivamente questo processo.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
E-Mail: kommunikation@eda.admin.ch
Twitter: @EDA_DFAE


Pubblicato da

Dipartimento federale degli affari esteri
https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae.html

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-76660.html