AVS 21: il Consiglio federale ha deciso le misure per la stabilizzazione dell’AVS

Berna, 03.07.2019 - Nella sua seduta del 3 luglio 2019, il Consiglio federale ha deciso le misure da includere nella riforma AVS 21, con le quali intende mantenere il livello delle rendite, garantire l’equilibrio finanziario dell’AVS fino al 2030, flessibilizzare l’età di pensionamento e incentivare il proseguimento dell’attività lucrativa. Il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento federale dell’interno di sottoporgli entro la fine di agosto un disegno di legge e il relativo messaggio.

Il 19 maggio scorso i votanti hanno accettato la legge federale concernente la riforma fiscale e il finanziamento dell’AVS (RFFA), approvando così un finanziamento supplementare a favore dell’AVS. Dato che però questo coprirà soltanto una parte del fabbisogno finanziario dell’assicurazione, una riforma resta necessaria e urgente, ragion per cui il Consiglio federale intende procedervi in tempi brevi.

Il messaggio sulla stabilizzazione dell’AVS (AVS 21) prevederà le misure seguenti:

- a partire dall’entrata in vigore del progetto, l’età di riferimento delle donne sarà aumentata progressivamente, di tre mesi all’anno, da 64 a 65 anni;

- l’aumento dell’età di riferimento delle donne sarà accompagnato per nove anni da misure compensative per 700 milioni di franchi, vale a dire l’applicazione di aliquote di riduzione più basse in caso di riscossione anticipata della rendita e l’aumento della rendita AVS per le donne con redditi medio-bassi che riscuoteranno la rendita a partire dai 65 anni;

- si potrà scegliere liberamente il momento in cui riscuotere la rendita AVS tra i 62 e i 70 anni; 

- sarà possibile anticipare o rinviare la riscossione di una parte della rendita AVS; 

- l’armonizzazione dell’età di riferimento a 65 anni e il diritto all’anticipazione o al rinvio nonché alla riscossione di una parte della rendita di vecchiaia varranno anche nella previdenza professionale; 

- il proseguimento dell’attività lucrativa oltre l’età di riferimento sarà promosso tramite incentivi specifici: 

  • sarà mantenuta la franchigia per i beneficiari di rendita che lavorano (attualmente pari a 1400 franchi al mese), 
  • sarà possibile impiegare i contributi AVS pagati dopo il raggiungimento dell’età di riferimento per migliorare la propria rendita AVS,
  • si potrà rinviare la riscossione dell’intera prestazione di vecchiaia della previdenza professionale fino ai 70 anni, anche in caso di riduzione del salario,

- l’IVA sarà aumentata di al massimo 0,7 punti percentuali in favore dell’AVS.

Dato che l’AVS ha lo scopo di proteggere l’intera popolazione da una situazione di bisogno nella vecchiaia, è necessario che le rendite continuino a essere garantite anche in futuro. La riforma AVS 21 permetterà di sgravare i conti dell’assicurazione di circa 2,8 miliardi di franchi (nel 2030), il che stabilizzerà le finanze dell’AVS fino al 2030.


Indirizzo cui rivolgere domande

Settore Comunicazione UFAS
+41 58 462 77 11
kommunikation@bsv.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'interno
http://www.edi.admin.ch

Ufficio federale delle assicurazioni sociali
http://www.ufas.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-75705.html