Nuova base legale per lo IUFFP

Berna, 26.06.2019 - L’Istituto universitario federale per la formazione professionale (IUFFP) avrà una nuova base legale. L’avamprogetto di legge è stato accolto con favore dalla maggioranza dei partecipanti alla consultazione. Il 26 giugno 2019 il Consiglio federale ha preso conoscenza dei risultati della consultazione e ha incaricato il DEFR di redigere il messaggio.

L’Istituto universitario federale per la formazione professionale (IUFFP) è il centro di competenza della Confederazione per la formazione e la formazione continua dei responsabili della formazione professionale, la ricerca nel settore della formazione professionale, lo sviluppo delle professioni e la cooperazione internazionale nell’ambito della formazione professionale. Lavora, tra l’altro, con le alte scuole pedagogiche cantonali e intende ottenere l’accreditamento come alta scuola pedagogica. Ciò implica un cambiamento di nome da «istituto universitario» a «scuola universitaria».

Il 7 dicembre 2018 il Consiglio federale ha avviato la procedura di consultazione sull’avamprogetto di legge, che si è conclusa il 29 marzo 2019. Sono pervenuti 54 pareri presentati da Cantoni, associazioni e partiti politici. Gran parte dei partecipanti accoglie favorevolmente il posizionamento della Scuola universitaria federale per la formazione professionale (SUFFP) nel panorama universitario svizzero e l’avamprogetto. Alcuni punti sono stati molto discussi, in particolare il finanziamento e l’attribuzione al settore universitario o della formazione professionale, il posizionamento come alta scuola pedagogica nonché la considerazione delle regioni linguistiche e delle offerte delle scuole universitarie cantonali. Per molti partecipanti alla consultazione è importante che l’accreditamento come scuola universitaria non porti a un distacco dal mondo del lavoro e che la SUFFP continui a svolgere i suoi compiti principali a favore di una formazione professionale basata sulla pratica.

Visti i risultati della consultazione, l’Esecutivo è giunto alla conclusione che l’avamprogetto rappresenti una base solida e ha pertanto incaricato il DEFR di redigere entro la fine del 2019 il messaggio da sottoporre al Parlamento. Il Consiglio federale conferma il posizionamento della SUFFP e il finanziamento nel quadro del settore della formazione professionale. Dato l’orientamento della SUFFP alla formazione e alla pedagogia professionale, l’attività su tutto il territorio nazionale in tre regioni linguistiche e i compiti legati alla cooperazione internazionale nell’ambito della formazione professionale, il posizionamento come alta scuola pedagogica è il più adeguato. La vicinanza al mercato del lavoro e l’orientamento alla pratica della SUFFP andranno mantenuti. Il Consiglio federale vuole agire in tal senso anche in futuro impiegando gli strumenti della politica della Confederazione in materia di governo d’impresa (tra cui gli obiettivi strategici).

Il Consiglio federale terrà conto della richiesta avanzata da molti partecipanti alla consultazione di considerare adeguatamente le esigenze delle regioni linguistiche e dei Cantoni e di ridurre al minimo i doppioni tra le offerte della SUFFP e quelle delle alte scuole pedagogiche cantonali. Secondo la Costituzione federale e la legge sulla formazione professionale, la Confederazione è competente in larga parte per la formazione professionale, tra cui anche per quanto riguarda i requisiti a cui devono rispondere i responsabili della formazione professionale e il riconoscimento dei cicli di studio per gli insegnanti. Nella legge SUFFP andrà scelta una formulazione che sostenga il coordinamento delle offerte e la strategia di cooperazione già avviata. Con i Cantoni di San Gallo e Lucerna sono già stati conclusi accordi di cooperazione in merito. Si mira in tal modo a rafforzare la qualità e l’efficienza delle offerte.

Attualmente soltanto alcuni articoli della legge sulla formazione professionale riguardano lo IUFFP; tutte le altre disposizioni pertinenti sono contenute in un’ordinanza. Ciò non risponde né ai requisiti del principio costituzionale di legalità né agli standard della Confederazione in materia di governo d’impresa. Come per altri organi simili della Confederazione, è necessario elaborare uno specifico atto normativo che ne disciplini l’organizzazione e contenga le disposizioni di base riguardanti i compiti, la collaborazione, i diplomi di insegnamento e altri titoli, l’organizzazione, il diritto del personale, il finanziamento, la vigilanza della Confederazione, le sanzioni e la gestione dei dati personali.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DEFR, info@gs-wbf.admin.ch,
tel. +41 58 462 20 07

Comunicazione IUFFP, Jacques Andres,
jacques.andres@ehb.swiss, tel. +41 58 458 27 12



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-75579.html