Avviata dal DATEC la procedura di consultazione concernente la revisione di diverse ordinanze nel settore energetico

Berna, 18.04.2019 - In data odierna, il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) ha avviato la consultazione relativa alla revisione parziale dell'ordinanza sull'efficienza energetica, dell'ordinanza sulla promozione dell'energia e dell'ordinanza sull'energia. In sintonia con la Strategia energetica, le revisioni sono tra l’altro finalizzate ad aumentare l’efficienza energetica delle automobili e a promuovere gli investimenti in impianti idroelettrici ad accumulazione. La consultazione relativa a queste revisioni parziali terminerà il 19 ottobre 2019.

I temi salienti delle revisioni parziali sono i seguenti:

Ordinanza sull'efficienza energetica (OEEne)

  • EtichettaEnergia per le automobili: le indicazioni sull'etichettaEnergia vengono semplificate allo scopo di migliorarne la comprensibilità e la leggibilità.
  • Classificazione delle automobili nelle categorie di efficienza energetica: in futuro non si prenderà più in considerazione il peso a vuoto; finora se ne è tenuto conto con una ponderazione del 30 per cento. Sarà determinante solamente il consumo di energia assoluto derivante dall'equivalente benzina per l'energia primaria. Quest'ultimo comprende l'energia per la messa a disposizione del carburante e dell'elettricità.
  • Pubblicità per le automobili: le indicazioni nella pubblicità si limiteranno al consumo di energia, alle emissioni di CO2 e la categoria di efficienza energetica. In aggiunta si dovrà tuttavia rappresentare la categoria di efficienza energetica mediante la scala a colori con freccia.
  • Miscela di gas naturale e biogas: la quota biogena riconosciuta della miscela di gas naturale e biogas sarà fissata al 20 per cento.

Ordinanza sulla promozione dell’energia (OPEn)

  • Contributi agli investimenti per impianti idroelettrici di grandi dimensioni: dal 2018 è possibile richiedere contributi d'investimento per grandi impianti idroelettrici nuovi nonché per considerevoli ampliamenti o rinnovamenti di simili impianti. D'ora in poi gli impianti di cui viene potenziata la capacità di stoccaggio potranno ottenere un contributo massimo più elevato (40% invece del 35%) e beneficiare di un trattamento preferenziale rispetto alle centrali ad acqua fluente.
  • Adeguamento dei tassi di rimunerazione per impianti fotovoltaici: data l'attuale evoluzione del mercato, si procede a un adeguamento dei tassi di rimunerazione per l'immissione di elettricità (RIC) e della rimunerazione unica (RU), con effetto dal 1° aprile 2020. La RIC per gli impianti fotovoltaici è aumentata a 9 ct./kWh, mentre i contributi legati alla potenza della RU per gli impianti fotovoltaici annessi o isolati fino a 30 kW passano da 340 a 300 franchi. Anche le rimunerazioni uniche per gli impianti integrati vengono adeguate; in media saranno superiori di circa il 10 per cento rispetto a quelle degli impianti annessi e isolati. La riduzione dei tassi di rimunerazione si ripercuote positivamente nel senso che si libereranno dei fondi da devolvere al più rapido smaltimento delle liste d’attesa.
  • Geotermia: sono prorogate le scadenze per l'inoltro delle notifiche di stato di avanzamento e di messa in esercizio dei progetti di geotermia, come già è avvenuto per i progetti di impianti eolici e idroelettrici in occasione dell'ultima revisione dell'OPEn.
  • Impianti idroelettrici e a biomassa: la formula per calcolare il tasso di rimunerazione in caso di ampliamenti o rinnovamenti successivi viene precisata in modo tale che, anche in caso di ripetuti ampliamenti o rinnovamenti successivi, viga chiarezza quanto al tasso di rimunerazione.

Ordinanza sull'energia (OEn)

  • Sportello unico Energia eolica: lo sportello si trova presso l'Ufficio federale dell'energia ed è operativo dal giugno 2018. Esso è responsabile del coordinamento e del rispetto delle scadenze per l'inoltro dei pareri e delle autorizzazioni di autorità federali necessari per la pianificazione e l'autorizzazione cantonali di impianti eolici. Le scadenze stabilite nell'OEn, in particolare quelle necessarie per i complessi accertamenti da effettuare nel settore aeronautico, sono a volte troppo brevi. Pertanto, a seconda dei casi, deve essere possibile una loro proroga per un massimo di due mesi.
  • Raggruppamento ai fini del consumo proprio: per quanto concerne i raggruppamenti ai fini del consumo proprio (RCP), si chiarisce che, per la determinazione del limite superiore dei costi interni addebitabili ai locatari, devono essere presi in considerazione i costi relativi al prodotto elettrico standard esterno che il singolo partecipante all'RCP acquisterebbe se non ne facesse parte.
  • Rimborso del supplemento rete: d'ora in poi il principio secondo il quale il plusvalore lordo è determinato sulla base del conto annuale vale per tutte le imprese soggette all'obbligo di tenuta della contabilità e presentazione dei conti conformemente al diritto delle obbligazioni, a prescindere dal loro obbligo di revisione. In tal modo si ha una maggiore parità di trattamento dei richiedenti, aumenta la trasparenza e diminuiscono gli oneri delle imprese relativi alla presentazione delle domande.


Indirizzo cui rivolgere domande

Marianne Zünd, Capo Media e politica UFE, tel. 058 462 56 75



Pubblicato da

Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-74732.html