Conferenza sui prodotti chimici e i rifiuti pericolosi: la Svizzera contro la plastica nei mari

Berna, 10.04.2019 - Dal 29 aprile al 10 maggio 2019 si riuniranno a Ginevra gli Stati membri delle tre convenzioni internazionali per ridurre i rischi dei prodotti chimici e dei rifiuti pericolosi. Il 10 aprile 2019 il Consiglio federale ha approvato il mandato della delegazione Svizzera. In futuro la Convenzione di Basilea contemplerà come soggetti all’obbligo di notifica non soltanto i rifiuti considerati pericolosi ma anche la plastica contaminata. Inoltre, la delegazione svizzera si impegnerà per l’adozione di controlli efficaci volti a garantire il rispetto delle Convenzioni di Stoccolma e di Rotterdam.

Le sostanze chimiche e i rifiuti pericolosi possono comportare rischi per l’uomo, l’ambiente e il clima. A livello internazionale la loro gestione è disciplinata da tre convenzioni: la Convenzione di Stoccolma (inquinanti organici persistenti), la Convenzione di Rotterdam (sostanze chimiche e pesticidi pericolosi) e la Convenzione di Basilea (rifiuti pericolosi). I membri delle tre convenzioni si riuniranno a Ginevra dal 29 aprile al 10 maggio 2019. Alla conferenza, la delegazione svizzera si impegnerà per l’istituzione di un meccanismo di controllo delle Convenzioni di Stoccolma e di Rotterdam sul modello della Convenzione di Basilea.

Convenzione di Basilea: contro l’inquinamento dei mari dovuto alla plastica

Un tema importante della conferenza sarà l’inquinamento dei mari causato dalla plastica. Una parte significativa della plastica che finisce nei mari proviene dallo smaltimento incontrollato dei rifiuti a terra. Attualmente, solo le plastiche classificate come pericolose devono essere notificate ai sensi della Convenzione di Basilea. In futuro la Convenzione disciplinerà anche i rifiuti di plastica contaminati non differenziati. In questo modo anche questi ultimi potranno essere esportati solo dopo che il Paese di destinazione è stato informato dell’importazione e ha dato il suo consenso. La delegazione svizzera, inoltre, si impegnerà a favore di partenariati contro i rifiuti di plastica. Lo scopo di questi partenariati è che gli Stati, l’economia e la società civile elaborino soluzioni orientate alla pratica per problemi concernenti i rifiuti di plastica.

Saranno soggette alla Convenzione ulteriori sostanze

Nella Convenzione di Stoccolma saranno incluse altre due sostanze: il Dicofol, un veleno contro i tetranichidi, e l’acido perfluoroottano, che viene utilizzato, tra l’altro, nella fabbricazione di rivestimenti. Entrambe le sostanze saranno incluse nell’elenco delle sostanze da eliminare a livello mondiale (allegato A). Si prevede inoltre di limitare maggiormente l’uso dell’acido perfluorottano sulfonato, utilizzato per rivestire materiali resistenti all’olio e all’acqua. La Svizzera sostiene queste misure per eliminare o almeno ridurre significativamente queste sostanze molto dannose per l’uomo e l’ambiente.

Nella Convenzione di Rotterdam saranno inclusi due pesticidi – l’Acetoclor e il Forate –, come pure la sostanza ritardante di fiamma esabromociclododecano. L’esportazione di queste sostanze sarebbe dunque consentita solo dopo che il Paese destinatario sia stato adeguatamente informato sulla pericolosità dei prodotti e abbia dato il suo consenso. La Svizzera è favorevole all’inclusione di queste sostanze e alla conferenza si impegnerà a tal fine.


Indirizzo cui rivolgere domande

Franz Perrez, Ambasciatore, capo della divisione Affari internazionali, Ufficio federale dell’ambiente UFAM, tel. +41 58 462 93 23



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-74637.html