La Svizzera e il Bangladesh formalizzano la loro cooperazione nel settore del ritorno

Berna-Wabern, 09.04.2019 - La Svizzera e il Bangladesh hanno codificato la loro cooperazione nel settore del ritorno delle persone che soggiornano irregolarmente in Svizzera; di conseguenza salgono a 62 gli Stati con cui il nostro Paese ha sottoscritto un accordo nel settore del ritorno.

Durante la crisi migratoria degli anni 2015 e 2016, sono giunti in Europa in modo irregolare attraverso il Mediterraneo centrale anche numerosi cittadini del Bangladesh. Tutti gli Stati europei riscontravano difficoltà a cooperare con questo Stato nel quadro dell’allontanamento dei richiedenti l’asilo respinti.

La Svizzera è ora riuscita, nel quadro di incontri bilaterali, a codificare la cooperazione operativa con il Bangladesh nel settore del ritorno. Il Paese asiatico si impegna pertanto a supportare la Svizzera a livello degli accertamenti dell’identità e a riammettere sul proprio territorio i suoi cittadini tenuti a lasciare la Svizzera. La cooperazione operativa tra i due Stati si fonda su un accordo concluso nel settembre 2017 tra il Bangladesh e l’Unione europea. Per garantire l’attuazione corretta dell’accordo, tra i due Stati si terranno regolari incontri peritali a livello di rappresentanti delle autorità competenti.

Altri miglioramenti nel settore del ritorno

Con una quota di rimpatri pari quasi al 60 per cento, la Svizzera è uno dei Paesi più efficienti d’Europa in materia di esecuzione dei rimpatri. Dall’autunno 2013 alla fine del 2018 è stato possibile ridurre da 7293 a 3949 i casi pendenti in materia di esecuzione dei rimpatri. La Svizzera ha concluso accordi di riammissione, accordi di migrazione e partenariati in materia di migrazione con 62 Stati.


Indirizzo cui rivolgere domande

Informazione e comunicazione SEM, T +41 58 465 78 44


Pubblicato da

Segreteria di Stato della migrazione
https://www.sem.admin.ch/sem/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-74615.html