La Confederazione rafforza l'attuazione dell'Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Berna, 22.03.2019 - Nella sua seduta del 22 marzo 2019 il Consiglio federale ha nominato due delegati per l’Agenda 2030. L'Agenda 2030 è il quadro di riferimento internazionale per lo sviluppo sostenibile e un punto di riferimento per la politica svizzera in materia di sostenibilità. Il Consiglio federale vi attribuisce grande importanza e intende rafforzarne l'attuazione creando una nuova struttura organizzativa interna all'Amministrazione federale. Gli elementi chiave sono l'istituzione di un Consiglio direttivo interdipartimentale e la nomina di due delegati allo sviluppo sostenibile. La nuova struttura permette di radicare nell'Amministrazione i principi dell'Agenda 2030 che sarà attuata nel quadro della politica settoriale dei servizi federali e Dipartimenti.

L'Agenda 2030 è l’interfaccia fra gli impegni nazionali e internazionali volti a trovare soluzioni congiunte per affrontare grandi sfide come il consumo di risorse e i cambiamenti climatici. Il fulcro è costituito dai 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS; Sustainable Devlopment Goals, SDG). Da un’ampia analisi sono emersi il comportamento della Svizzera nei confronti degli obiettivi e i settori dove tuttora sono necessari interventi di politica interna ed estera. I risultati dell’indagine sono stati presentati nel quadro del rapporto nazionale della Svizzera, presentato all'ONU nel 2018.

Consiglio direttivo per la gestione strategica dell'attuazione

Per affrontare in modo efficace le sfide e le opportunità, il 14 dicembre 2018 il Consiglio federale ha istituito un «Consiglio direttivo Agenda 2030», nel quale tutti gli Uffici interessati sono rappresentati a livello di direzione. I suoi compiti principali sono la gestione e il coordinamento dei lavori di attuazione, come ad esempio il monitoraggio degli OSS in Svizzera, la redazione del rapporto nazionale per l'ONU, la priorizzazione delle principali sfide e opportunità per la Svizzera, la definizione di obiettivi nazionali, il coordinamento delle relative misure nonché la collaborazione con i Cantoni, i Comuni e gli attori non statali. Il Consiglio direttivo sostituisce l'attuale Comitato interdipartimentale sullo sviluppo sostenibile (CISvS). 

Due delegati allo sviluppo sostenibile assumeranno la direzione operativa

Il 14 dicembre 2018, il Consiglio federale ha deciso di affidare la direzione operativa a due delegati allo sviluppo sostenibile. Nella sua seduta del 22 marzo 2019, il Consiglio federale ha nominato Daniel Dubas (41) collaboratore del Dipartimento dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) e Jacques Ducrest (52) collaboratore del Dipartimento degli affari esteri (DFAE) quali delegati per l'Agenda 2030.

Daniel Dubas ha studiato scienze politiche e conseguito un diploma in sviluppo urbano sostenibile; dal 2013 dirige la Sezione Sviluppo sostenibile dell'Ufficio federale dello sviluppo territoriale ARE.

Jacques Ducrest è un diplomatico con formazione giuridica (brevetto di avvocato e LL.M.) che, dal 2017, è capo supplente della Divisione Politiche estere settoriali del DFAE.

Oltre alle attività di coordinamento, i delegati sono tenuti a redigere un rapporto annuale all'attenzione del Consiglio federale sull'attuazione dell'Agenda 2030. La prima edizione è prevista per il gennaio 2020.

Elementi chiave del ciclo politico per uno sviluppo sostenibile

In futuro, a livello nazionale l'Agenda 2030 sarà attuata principalmente attraverso la Strategia per uno sviluppo sostenibile (SSS), con orizzonte temporale 2020 - 2030, allo scopo di garantire la continuità e la sicurezza di pianificazione a lungo termine. Il piano d'azione della SSS continuerà invece ad essere aggiornato ogni quattro anni, in concomitanza con il programma di legislatura.

Questi lavori saranno coordinati dal Consiglio direttivo di cui sopra, sotto la direzione del delegato del DATEC. L’analisi della situazione e il rapporto nazionale all'attenzione dell'ONU saranno eseguiti ogni quattro anni a metà del periodo di legislatura. Il coordinamento dei lavori è affidato al Consiglio direttivo, sotto la direzione del delegato del DFAE.

Sulla base del rapporto nazionale, questo ciclo politico biennale permette di tirare un bilancio intermedio dell'efficacia delle misure e di definire nuovi temi chiave per il successivo piano d'azione della SSS. Al più tardi entro fine 2020 saranno verificate l'efficacia e l'efficienza della nuova struttura organizzativa e dei relativi compiti che, se del caso, verranno adeguati.


Indirizzo cui rivolgere domande

Stephan Scheidegger, Direttore supplente, Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE), tel. +41 58 462 44 50 (comunicazione), stephan.scheidegger@are.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Dipartimento federale degli affari esteri
http://www.eda.admin.ch/eda/it/home/recent/media.html

Ufficio federale dello sviluppo territoriale
https://www.are.admin.ch/are/it/home.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-74413.html