Siria: la Svizzera ribadisce il proprio impegno a favore della popolazione siriana e di una soluzione politica del conflitto

Berna, 14.03.2019 - Alla terza conferenza sulla Siria organizzata dall’UE e dall’ONU a Bruxelles il 14 marzo 2019 la Svizzera ribadisce il proprio impegno in risposta al conflitto siriano. Nel 2019, sono previsti contributi pari a 61 milioni di franchi per aiutare la popolazione bisognosa in Siria e nei Paesi confinanti. La Svizzera, rappresentata alla conferenza dalla segretaria di Stato del DFAE Pascale Baeriswyl, stanzia inoltre 7 milioni di franchi per la promozione della pace. L’impegno umanitario si affianca al sostegno per una soluzione politica attraverso il processo di pace dell’ONU portato avanti a Ginevra. Per una pace duratura, è indispensabile coinvolgere nel processo di pace la società civile siriana ed è necessaria un’analisi delle gravi violazioni del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani. La Svizzera si impegna in questo senso sostenendo progetti concreti.

Dopo otto anni di conflitto armato, la situazione in Siria resta precaria: le violazioni del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani sono ancora all’ordine del giorno. Anche se in alcune zone il conflitto si è affievolito, i combattimenti continuano. Il coinvolgimento militare di diverse potenze regionali e grandi potenze comporta un rischio elevato di escalation, specialmente nel Nord-Ovest e nel Nord-Est del Paese. Oltre 12 milioni di persone in Siria dipendono dagli aiuti umanitari e di questi più di 6 milioni sono profughi interni. Altri 5,6 milioni di siriane e siriani hanno trovato rifugio all’estero, soprattutto nei Paesi confinanti. Attualmente non vi sono le condizioni per un rimpatrio dei profughi in sicurezza e dignità.

Visti il perdurare del conflitto e i bisogni umanitari enormi   a cui si deve far fronte in Siria e nell’intera regione è stata organizzata a Bruxelles, sotto la guida dell’UE e dell’ONU, la conferenza «Sostegno al futuro della Siria e della regione». Vi partecipano, durante due giorni, gli Stati donatori. Durante l’incontro, la Svizzera ha ribadito il proprio impegno: per il 2019, è previsto lo stanziamento di 61 milioni di franchi per aiutare popolazione nel bisogno in Siria e nei Paesi confinanti. Dal 2011, la Svizzera ha messo a disposizione complessivamente 397 milioni di franchi. Si tratta del contributo umanitario più ingente erogato finora dalla Svizzera, che non fornisce solo aiuto umanitario in Siria, ma anche protezione e supporto ai profughi e alle comunità ospitanti in Libano, Giordania e Turchia.

La Svizzera continua a impegnarsi in favore della promozione della pace. A tale scopo, quest’anno sono stati già messi a disposizione 7 milioni di franchi. In primo piano, vi è l’appoggio al processo di pace delle Nazioni Unite a Ginevra, guidato dall’inviato speciale ONU Geir Pedersen. Per la Svizzera, il processo di pace dell’ONU è l’unico ad avere un formato adeguato e legittimo, con negoziati che includono anche la società civile siriana et che possono sfociare così in una pace duratura. A Ginevra, la Svizzera ha dunque creato la piattaforma Civil Society Support Room, che si è riunita anche a margine della conferenza di Bruxelles.

La Svizzera si adopera inoltre per il rispetto del diritto internazionale umanitario in Siria e sostiene gli sforzi di analisi del passato e la lotta contro l’impunità.

Nel corso di una manifestazione co-organizzata dalla Svizzera a Bruxelles, la segretaria di Stato Pascale Baeriswyl, a capo della delegazione svizzera, ha invitato tutte le parti in conflitto a rispettare il diritto internazionale umanitario e i diritti umani. La Svizzera si impegna in particolare per il destino dei detenuti e dei dispersi, che sono stimati tra le 100 000 e le 200 000 persone, e delle loro famiglie. Vanno ancora sostenuti gli sforzi per un’analisi delle violazioni del diritto internazionale pubblico perpetrate in Siria. In questo contesto, assume un ruolo fondamentale il meccanismo internazionale, indipendente e imparziale per la Siria (International, Impartial and Independent Mechanism for Syria), istituito a Ginevra nel 2017.


Indirizzo cui rivolgere domande

Informazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
Fax: +41 58 464 90 47
E-Mail: info@eda.admin.ch



Pubblicato da

Dipartimento federale degli affari esteri
http://www.eda.admin.ch/eda/it/home/recent/media.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-74344.html