La promozione della piazza economica nel segno della digitalizzazione

Berna, 20.02.2019 - Il 20 febbraio 2019 il Consiglio federale ha approvato il messaggio concernente la promozione della piazza economica negli anni 2020–2023. Con gli strumenti previsti il Consiglio federale intende contribuire alla trasformazione digitale del tessuto economico e aumentare così ulteriormente l’attrattiva e la competitività dell’economia svizzera. Il Governo propone al Parlamento di stanziare 373,1 milioni di franchi e di puntare nuovamente sulla promozione dell’economia esterna, sulla politica regionale, sul turismo e sulle PMI.

La Svizzera è una piazza economica attrattiva e performante; caratteristiche, queste, che la Confederazione intende mantenere e potenziare attraverso una promozione della piazza economica che si traduca in sei specifici campi d’azione:

  • incoraggiare la riduzione dei costi di regolamentazione;
  • agevolare l’accesso ai finanziamenti;
  • sostenere progetti innovativi;
  • promuovere collegamenti in rete e collaborazioni;
  • migliorare la gestione e la diffusione delle conoscenze;
  • attuare misure di marketing a favore della piazza economica svizzera.

La promozione della piazza economica interviene a titolo sussidiario a completamento dell’attività degli operatori privati e dei Cantoni.

Con il messaggio, il Consiglio federale sottopone al Parlamento cinque decreti di finanziamento per i seguenti strumenti: governo elettronico, Innotour, Svizzera Turismo, promozione delle esportazioni e promozione della piazza economica. In questo modo si intende portare avanti e sviluppare negli anni 2020–2023 il finanziamento che giungerà a scadenza alla fine del 2019. Il Consiglio federale propone un limite di spesa complessivo di 373,1 milioni di franchi (374,2 milioni di franchi per gli anni 2016–2019).

L’obiettivo è di potenziare i servizi digitali relativi a tutti gli strumenti di promozione e incoraggiare con essi lo sviluppo e il trasferimento delle conoscenze. A tal fine, il Consiglio federale si prefigge per il periodo 2020–2023 le seguenti priorità.

Politica a favore delle PMI: sviluppo della piattaforma online EasyGov.swiss

Nel raffronto internazionale in materia di governo elettronico, la Svizzera si colloca considerevolmente al di sotto della media. Una priorità importante della politica a favore delle PMI è quindi lo sgravio amministrativo per le imprese. La sportello unico EasyGov.swiss, pensato e lanciato nel 2017, permette alle imprese di accedere online le procedure amministrative per mezzo di un unico account. Nei dieci mesi successivi al suo lancio, le imprese registratesi sulla piattaforma sono state più di 7000. L’obiettivo è di ampliare notevolmente la gamma di prestazioni offerte da EasyGov.swiss e di aumentarne la notorietà in modo ancora più mirato.

Attuazione della nuova strategia del turismo

Per il periodo 2020–2023, la politica del turismo pone l’accento sull’attuazione della Strategia del turismo, approvata dal Consiglio federale il 15 novembre 2017. In questo contesto, il Governo considera prioritario trasformare il turismo svizzero all’insegna del digitale. Il miglioramento delle condizioni quadro è un incentivo all’imprenditorialità e consente alle imprese di sfruttare le opportunità del digitale. A sua volta, ciò rafforza l’attrattiva dell’offerta e la visibilità della Svizzera sul mercato estero. Per Svizzera Turismo, il Consiglio federale propone uno stanziamento di 220,5 milioni di franchi nel quadriennio 2020–2023. Le persone che lavorano nel settore del turismo in Svizzera sono circa 175 500 e il contributo di questo settore al valore aggiunto dell’economia svizzera rappresenta il 2,9 per cento.

Digitalizzazione  al centro della politica regionale

Con oltre 2400 progetti in materia economica all’attivo dal 2008, la Nuova politica regionale (NPR) può dirsi ormai affermata tra gli attori coinvolti.  Priorità della promozione della NPR sono il turismo e l’innovazione. Anche in questo caso la digitalizzazione gode di un’attenzione particolare.

Potenziamento della collaborazione in materia di promozione dell’economia esterna

Per quanto riguarda la promozione delle esportazioni, il Consiglio federale intende proseguire e ampliare in modo mirato la collaborazione con terzi. A tale scopo, si stima saranno necessari 90,5 milioni di franchi e un’assistenza tagliata sulle esigenze specifiche di esportatori e investitori stranieri. In materia di insediamento di imprese straniere è consolidata la collaborazione con il Parco svizzero dell’innovazione, che a sua volta beneficerà in via prioritaria di misure di marketing all’estero al fine di promuovere, nello specifico, anche gli insediamenti di imprese estere nei settori della ricerca e dello sviluppo.


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DEFR, 058 462 20 07


Documenti


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-74059.html