Prova nazionale delle sirene di mercoledì 6 febbraio 2019: per la prima volta anche tramite Alertswiss

Berna, 31.01.2019 - Le catastrofi possono verificarsi in qualsiasi momento senza preavviso, e questo anche in Svizzera. In caso d'evento, la popolazione deve essere allarmata e informata in modo rapido e affidabile. Affinché ciò sia possibile, i sistemi d'allarme devono funzionare perfettamente e la popolazione deve sapere come reagire. Mercoledì 6 febbraio 2019 avrà quindi luogo in tutta la Svizzera la prova annuale delle sirene. In tale occasione, per diffondere l’allarme sarà testata per la prima volta l'app Alertswiss.

Nell’ottobre 2018 l'Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP) ha lanciato, in collaborazione con i partner cantonali, nuovi servizi per diffondere l'allarme e le informazioni alla popolazione in caso di catastrofi e situazioni d'emergenza. I comunicati d'allarme vengono diffusi sugli smartphone sotto forma di notifiche push tramite l'app Alertswiss e pubblicati sull'omonimo sito. Questi nuovi canali saranno integrati per la prima volta nell'ambito della prova delle sirene del 2019. Parallelamente all'allarme generale diffuso tramite le sirene, i Cantoni riceveranno un messaggio d'allarme test anche tramite i canali Alertswiss.

I nuovi servizi Alertswiss fanno appello alla responsabilità individuale dei cittadini, che per prepararsi alle catastrofi e alle situazioni d’emergenza sono esortati ad utilizzare i nuovi canali d'allarme e d'informazione e in particolare ad installare l'app Alertswiss sui propri smartphone. L'app Alertswiss è disponibile gratuitamente per i sistemi Android e iOS e può essere scaricata dal Google Play Store e dall'App Store di Apple.

Prova delle sirene: allarme generale e allarma acqua

La Svizzera dispone di una fitta rete di circa 5000 sirene fisse e 2200 sirene mobili che consentono di dare l’allarme alla popolazione in qualsiasi momento. L'UFPP assicura, in collaborazione con i Cantoni, i comuni e i gestori degli impianti d'accumulazione, che i sistemi d'allarme siano sempre al passo con i progressi tecnologici e pronti ad essere messi in funzione.

Il 6 febbraio 2019 verrà verificato in tutta la Svizzera il funzionamento delle sirene. Verranno testate sia le sirene utilizzate per dare l’allarme generale, sia quelle per l’allarme acqua. Non occorre adottare alcuna misura di protezione.

Alle ore 13:30, le sirene emetteranno il segnale di «allarme generale», un suono modulato e regolare della durata di un minuto. Se necessario, sarà possibile ripetere la prova entro le ore 14:00. Tra le 14:15 e le 15:00, nelle zone a valle degli impianti d’accumulazione verrà emesso il segnale di «allarme acqua»: dodici suoni continui e gravi in sequenze di 20 secondi a intervalli di 10 secondi.

Che cosa fare in caso di allarme effettivo?

Se l'«allarme generale» suona in un momento diverso da quello previsto per la prova delle sirene, significa che la popolazione potrebbe essere in pericolo. In questo caso i cittadini minacciati devono ascoltare la radio o informarsi tramite i canali Alertswiss, seguire le istruzioni diramate dalle autorità e informare i vicini.

L'«allarme acqua» segnala un pericolo imminente per la zona a valle di un impianto d'accumulazione. In questo caso la popolazione è esortata ad abbandonare immediatamente la zona minacciata. La popolazione delle zone a rischio viene informata preventivamente con dei promemoria sull’allarme acqua in generale e soprattutto sulle possibili vie di fuga locali.

Maggiori informazioni e regole di comportamento si trovano nel sito dell'UFPP, nel sito Alertswiss e alle pagine Teletext 680 e 681 dei canali SRG-SSR.


Indirizzo cui rivolgere domande

Kurt Münger
Capo Comunicazione UFPP
+41 58 462 55 83



Pubblicato da

Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport
http://www.vbs.admin.ch

Ufficio federale della protezione della popolazione
http://www.bevoelkerungsschutz.admin.ch/

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-73828.html