«Tech4Good»: impegno efficace della Svizzera grazie ai partenariati con il settore privato e il mondo scientifico

Berna, 23.01.2019 - Insieme al settore privato e al mondo scientifico, la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) elabora approcci innovativi volti ad aumentare l’efficacia dei suoi progetti. La Ginevra internazionale costituisce una piattaforma ideale per discutere e definire norme e standard per le nuove tecnologie. Con «Tech4Good» e il «Geneva Day», il DFAE ha organizzato al WEF due eventi durante i quali ha illustrato le potenzialità e i risultati di questa collaborazione.

Un «gruppo elettrogeno» che grazie a moduli fotovoltaici produce energia quando, dopo un terremoto, per esempio, la rete elettrica non funziona più; una tecnologia satellitare che aiuta a individuare le aree a rischio e a misurare le risaie stimando meglio l’entità dei futuri raccolti; uno smartphone con cui è possibile accedere più facilmente al microcredito: in molti dei suoi interventi, la DSC sfrutta le innovazioni tecnologiche per accrescere l’efficacia del proprio lavoro. Il 23 gennaio 2019, nell’ambito della manifestazione Tech4Good al WEF, ha presentato diversi progetti sviluppati in collaborazione con partner privati. «L’impegno congiunto del mondo scientifico, del settore privato e delle istituzioni della Confederazione ha permesso di trovare soluzioni molto interessanti», ha affermato il consigliere federale Ignazio Cassis all’apertura dell’esposizione «Tech4Good» nella House of Switzerland. Del resto, ha aggiunto, «l’impegno di tutti per il bene comune fa parte del DNA delle svizzere e degli svizzeri». Questo impegno è sancito dalla Costituzione federale ed è alla base dell’attuazione dell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile.

«Tech4Good» è sinonimo di innovazione utile a migliorare la vita degli esseri umani, che si tratti di sviluppo economico, gestione dei rifiuti o sistemi sanitari. La DSC collega inoltre innovazione e pratiche di buongoverno, mette in contatto attori diversi e utilizza tutte le possibilità offerte dalle nuove tecnologie per combattere la povertà, sia nell’aiuto di emergenza che nei programmi di riforma sul lungo periodo.

Anche le organizzazioni internazionali presenti a Ginevra si occupano di innovazioni tecnologiche e collaborano strettamente con la comunità scientifica e il settore privato.

Il 22 gennaio 2019, durante il WEF, si è svolto il «Geneva Day» per mettere in evidenza l’importante ruolo svolto dalla Ginevra internazionale nella definizione di norme e standard globali per sviluppo tecnologico.

L’impatto della digitalizzazione in ambito umanitario è stato analizzato in occasione dell’evento organizzato in collaborazione con il Comitato internazionale della Croce Rossa e Swiss Re, al quale ha partecipato la segretaria di Stato del DFAE Pascale Baeriswyl. Le nuove tecnologie offrono enormi opportunità e permettono di rendere più efficace l’azione umanitaria, ma sollevano anche tutta una serie di domande sui rischi a cui sono esposte le popolazioni nelle zone di conflitto. La necessità di elaborare nuove regole e direttive adeguate è evidente. E in questo campo la Ginevra internazionale è in prima linea.

In serata, una cena di alto livello incentrata sul ruolo di Ginevra nella definizione di norme e standard per la quarta rivoluzione industriale ha visto riuniti responsabili del settore privato e rappresentanti di Governi e della società civile. La discussione ha riguardato l’esigenza di mostrare lo stesso approccio innovativo anche in materia di governance e non solo nel campo delle tecnologie emergenti. Ginevra offre uno spazio neutro in cui tutte le parti in causa – ricercatori e operatori del settore privato e pubblico – possono intavolare un dialogo e mettere in comune le proprie idee in modo da portare avanti un’azione collettiva e plasmare insieme i nuovi approcci della cooperazione internazionale. La globalizzazione e la digitalizzazione stanno trasformando il mondo a un ritmo senza precedenti e richiedono una nuova architettura di governance a livello mondiale. L’ecosistema della Ginevra internazionale costituisce un terreno ideale per sviluppare questi nuovi approcci. Tra i partecipanti al «Geneva Day» c’era anche il presidente di Microsoft Brad Smith, che ha avuto un incontro con il consigliere federale Cassis.

Il WEF 2019 si svolge all’insegna del titolo «Globalizzazione 4.0» e affronta le ripercussioni positive e negative delle innovazioni tecnologiche (p. es. l’aumento delle disuguaglianze o l’erosione della fiducia nelle istituzioni pubbliche, che minaccia il futuro delle nostre economie e delle nostre democrazie).


Indirizzo cui rivolgere domande

Comunicazione DFAE
Palazzo federale ovest
CH-3003 Berna
Tel.: +41 58 462 31 53
E-Mail: kommunikation@eda.admin.ch
Twitter: @EDA_DFAE



Pubblicato da

Dipartimento federale degli affari esteri
https://www.eda.admin.ch/eda/it/dfae.html

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-73744.html