Carta europea delle lingue regionali o minoritarie: pubblicato il rapporto della Svizzera

Berna, 07.12.2018 - Nel corso della sua seduta del 7 dicembre 2018 il Consiglio federale ha approvato il settimo rapporto della Svizzera sull’applicazione della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie del Consiglio d’Europa. Con questo rapporto il Consiglio federale riconosce il francoprovenzale e il francocontese come lingue minoritarie. Il rapporto illustra inoltre lo sviluppo della politica linguistica della Svizzera, che interessa in particolare la promozione dell’italiano e gli scambi scolastici, le recenti evoluzioni nell’insegnamento delle lingue nazionali nella scuola primaria e la situazione del romancio.

Con il settimo rapporto il Consiglio federale segue la raccomandazione del Consiglio d'Europa di riconoscere il francoprovenzale come lingua regionale o minoritaria ed estende il riconoscimento al francocontese. Minacciate di estinzione, le due lingue sono oggetto di varie ricerche e ispirano numerosi progetti culturali sostenuti dai Cantoni e realizzati dai rispettivi parlanti. Questo riconoscimento permette di dare maggiore visibilità all'insieme dei dialetti romandi.

Il rapporto, che copre il periodo dal 2015 al 2018, presenta i dati statistici relativi all'evoluzione delle lingue in Svizzera, un riepilogo delle basi legali che disciplinano la loro promozione e le sfide della politica linguistica in Svizzera. Illustra in particolare le novità nella promozione dell'italiano, i cambiamenti avvenuti negli scambi scolastici e fa il punto della situazione nell'insegnamento delle lingue nazionali alla scuola primaria. Presenta infine i resoconti dei Cantoni Grigioni e Ticino sull'applicazione della Carta al romancio e all'italiano nei rispettivi territori.

Il principale obiettivo della Carta consiste nel mantenere e promuovere la diversità linguistica come uno degli elementi più emblematici della vita culturale europea. La Carta punta a migliorare l'uso delle lingue regionali o minoritarie in ambito formativo, giuridico, amministrativo, mediatico, culturale ed economico nonché a incentivare i parlanti a usare la propria lingua. La Svizzera considera il romancio e l'italiano quali lingue minoritarie ai sensi della Carta e riconosce lo jenisch e lo yiddish quali lingue non territoriali.

In base all'articolo 15 della Carta, gli Stati parte sono tenuti a presentare al Segretariato Generale del Consiglio d'Europa un rapporto periodico sull'applicazione delle sue disposizioni. La Svizzera ha consegnato il suo primo rapporto nel 1999 e da allora ha continuato a scadenze triennali.


Indirizzo cui rivolgere domande

Stéphanie Cattaneo Andrey, sezione Cultura e società, Ufficio federale della cultura
tel. 058 464 10 69
Stephanie.cattaneo-andrey@bak.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DFI
http://www.edi.admin.ch

Ufficio federale della cultura
http://www.bak.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-73293.html