Il Consiglio federale rinuncia a modificare l’ordinanza sul materiale bellico

Berna, 31.10.2018 - Il 31 ottobre 2018 il Consiglio federale ha deciso di non procedere alla revisione dell’ordinanza sul materiale bellico. Sulla base di considerazioni di ordine sia economico sia legate alla politica di sicurezza, il 15 giugno 2018 aveva preso una decisione di principio: l’intento era di adeguare a quelli di altri Stati europei comparabili i criteri di autorizzazione contenuti nell’ordinanza per quanto riguarda l’implicazione dello Stato destinatario in un conflitto sul proprio territorio.

Il fattore determinante nella decisione del Consiglio federale di non procedere alla revisione dell’ordinanza è stato che la riforma non gode più dell’appoggio politico necessario, in particolare nelle Commissioni della politica di sicurezza. Inoltre, insistere sulla riforma potrebbe avere effetti controproducenti per l’attuale prassi di autorizzazione delle esportazioni di materiale bellico.


Indirizzo cui rivolgere domande

Fabian Maienfisch,
sost. Capo della comunicazione, SECO
Tel. +41 58 462 40 20,
fabian.maienfisch@seco.admin.ch


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca
http://www.wbf.admin.ch

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-72742.html