Il Consiglio federale autorizza il Cantone di Vaud a svolgere prove di voto elettronico

Berna, 28.09.2018 - Il 28 settembre 2018, il Consiglio federale ha approvato la richiesta del Cantone di Vaud di svolgere prove di voto elettronico per i suoi elettori svizzeri residenti all’estero in occasione delle votazioni federali. L’autorizzazione è valida per lo scrutinio del 25 novembre 2018 e per tutte le eventuali votazioni federali che si terranno fino al 24 novembre 2019.

A partire da quest’autunno, il Cantone di Vaud offrirà a livello sperimentale ai suoi elettori svizzeri residenti all’estero la possibilità di votare per via elettronica. A tale scopo ha scelto il sistema del Cantone di Ginevra già impiegato dai Cantoni di Berna, Lucerna, Basilea Città, San Gallo e Argovia.

Oltre all’autorizzazione di principio concessa dal Consiglio federale, prima di ogni scrutinio la Cancelleria federale verifica che il Cantone adempia le condizioni per l’impiego del voto elettronico e rilascia la necessaria autorizzazione.

Nello scrutinio del 25 novembre 2018 si stima che a livello nazionale potranno votare per via elettronica circa 113 000 aventi diritto di voto residenti in Svizzera e circa 100 000 Svizzeri all’estero aventi diritto di voto. Queste cifre comprendono elettori svizzeri residenti nei Cantoni di Friburgo, Basilea Città, San Gallo, Neuchâtel e Ginevra nonché gli Svizzeri all’estero aventi diritto di voto nei Cantoni di Berna, Lucerna, Friburgo, Basilea Città, San Gallo, Argovia, Turgovia, Vaud, Neuchâtel e Ginevra.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ursula Eggenberger
capo della Sezione comunicazione CaF
Tel. 058 462 37 63
ursula.eggenberger@bk.admin.ch


Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Ultima modifica 05.01.2016

Inizio pagina

https://www.admin.ch/content/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-72346.html